Amati: "Via libera in Senato alla Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre"

Silvana Amati 18/01/2017 - "Questo ddl è un atto simbolico ma importante che istituisce nella data del primo febbraio la giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo. Dalle analisi dei dati relativi alle guerre, soprattutto i conflitti più grandi che hanno provocato il maggior numero di vittime, si sa ormai con certezza che le vittime civili sono assai più di quelle militari.

Lo dicono i numeri: del quasi mezzo miliardo di esseri umani uccisi nei cento massacri più rilevanti nella storia dell'umanità 315 milioni di morti dipendono dalle guerre; si tratta di 49 milioni di soldati uccisi contro 266 milioni di civili. Una media di civili morti durante le guerre che quindi è dell'85 per cento".

Lo afferma la senatrice del Pd Silvana Amati, relatrice del ddl all'esame dell'Aula del Senato. "La legge è a costo zero sia per il Paese sia per gli enti locali e le strutture che ad esse sono successivamente deputate. Nel testo - spiega - si prevede che le Province e gli enti locali possano promuovere una cultura di pace e di conoscenza dei fenomeni che attengono alle guerre e si stabilisce che il Miur fissi direttive per coinvolgere le scuole. Questo ddl, come altri che abbiamo approvato negli scorsi anni, fanno parte di un percorso che il Parlamento porta avanti per realizzare in modo concreto ed attuare la prima parte dell'articolo 11 della Costituzione, quella sul ripudio della guerra, affinché si possa arrivare a un orientamento culturale crescente nei diversi Paesi. Ci auguriamo - conclude Amati - che questo sia un obiettivo che impegni sempre di più tutto il Parlamento".





Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2017 alle 18:55 sul giornale del 19 gennaio 2017 - 422 letture

In questo articolo si parla di silvana amati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFzC