Zone terremotate: Brignone, "Agricoltori allevatori e bestiame dimenticati dal Governo"

beatrice brignone 09/01/2017 - In assenza di risposte del Governo alle mie interrogazioni e agli interventi in Aula, - l'ultimo in presenza del Presidente del Consiglio-, ho deciso di scrivere al Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione, Vasco Errani, con la quale chiedo immediati e urgenti interventi nelle zone terremotate invitandolo a visitare i paesi terremotati delle Marche e del Lazio dove da giorni la tempesta di neve ha isolato produttori e allevatori e dove i capi di bestiame stanno morendo di giorno in giorno per il grande gelo,

A causa delle temperature avverse registrate in questi giorni, le popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto e 30 ottobre scorso, sono nuovamente messe a dura prova. Nei comuni di Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo colpiti dal terremoto, c’è un’elevata significativa presenza di allevamenti e moltissimi sono gli agricoltori che versano in gravi difficoltà poiché i loro animali sono morti e altri rischiano di morire per il grande freddo e le bufere di neve che non cessano da giorni.

La Legge 15 dicembre 2016, n. 229, prevede alcune delle misure importanti per il settore zootecnico ed agricolo, tuttavia è necessario accelerare l’arrivo delle stalle mobili e dei moduli abitativi per gli agricoltori, creando urgentemente le condizioni per offrire immediato sostegno mediante gli ulteriori interventi necessari a garantire la prosecuzione dell’attività. E’ inutile rammentare che gli animali non conoscono la burocrazia e che per poterli salvare è necessario fare in modo che gli aiuti arrivino al più presto.

Gli agricoltori e allevatori che ho avuto modo di conoscere nelle zone terremotate della mia regione, sono sconfortati e avvertono la sensazione di essere dimenticati dalle Istituzioni. Hanno necessità di ricoveri per i propri animali perché la maggior parte delle stalle sono distrutte o inagibili, ma nonostante tutto, con il coraggio che li contraddistingue, vivono in alloggi di fortuna, spesso roulotte, pur di restare vicino agli animali. Data la grave situazione in cui versano, questa parte di popolazione rischia di chiudere per sempre le proprie aziende se non si creano le condizioni per proteggerli e aiutarli garantendo loro vivibilità e operatività per accudire il bestiame e dare continuità alle attività produttive. Lo dichiara in una nota, la deputata marchigiana di Possibile, Beatrice Brignone.


da Beatrice Brignone
deputata Possibile




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2017 alle 12:40 sul giornale del 10 gennaio 2017 - 10927 letture

In questo articolo si parla di terremoto, politica, beatrice brignone e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFhA


Sono stato anche io testimone oculare dei tanti problemi che hanno ancora le persone nelle zone colpite dal sisma.
Erano mesi che chiedevano anticipatamente e nei tempi di intervenire per le loro attività e per proteggere i loro allevamenti, ma se qualcosa sta arrivando è solo di recente e trova difficoltà a causa dei sopraggiunti mutamenti meteo.
Occorre riformulare alcuni dei dispositivi emergenziali per permettere immediatamente di intervenire.
E' già tardi! Non diventi tardissimo




logoEV