Porta i fiori sulla tomba del figlio, ma vengono rubati, presa di mira la lapide di Barbato al cimitero delle Grazie

Cimitero delle Grazie 02/01/2017 - Porta i fiori sulla tomba del figlio morto, ma ogni volta spariscono.

Ad essere stata presa di mira la tomba del ristoratore Stefano Barbato, morto nel 2008 soli 43 anni. L’uomo era stato investito mentre attraversava la strada nel corso di una violenta grandinata, ed era morto dopo aver violentemente sbattuto sul marciapiede. La mamma di Barbato, dal giorno di Santo Stefano vede però sparire i fiori che porta quotidianamente sulla lapide del figlio al Cimitero delle Grazie.

È questo quanto denunciato dalla donna, che venerdì all’ennesima scoperta di furto si è sentita male. Non è chiaro in realtà se si tratti di un furto o di un atto vandalico, ma cresce la rabbia di fronte a questo tipo di fenomeni che sempre più spesso si verificano nel cimitero.





Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2017 alle 10:16 sul giornale del 03 gennaio 2017 - 6380 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, cimitero, cimitero delle grazie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aE9c


Ci sono poche cose che non tollero, questa appena descritta è una di quelle.
E' intollerabile che si manchi di rispetto persino ai nostri cari.

Farroni Chiara

04 gennaio, 11:46
Mi dispiace per quanto accaduto alla sig.ra ma vi posso assicurare che sono anni che al cimitero di Senigallia vengono derubati i fiori e le piante in special modo.
Mia suocera si reca quasi tutti giorni al cimitero dal figlio morto anche lui tragicamente a 39 anni e ha rinunciato a mettere piante ... spariscono anche le scope e addirittura i recipienti per prendere l'acqua ..tutto questo a un solo nome ...INCIVILTA'




logoEV