Sartini sugli accertamenti del Ministero: "Il Comune deve rendere noto il documento integrale dell'ispezione"

giorgio sartini 15/12/2016 - È mio dovere come Consigliere comunale di opposizione relazionare ai cittadini sull’operato del Comune ed essere, nel mio ruolo, una figura di controllo sull’azione amministrativa.

Sono un cittadino impegnato nella gestione della cosa pubblica, lungi da me essere “politico di professione” a differenza di chi siede in Consiglio dal 1994: non sono sulla scena politica da oltre vent’anni e soprattutto non ho interessi particolari da difendere. Nella seduta della VI Commissione di ieri, (14 dicembre) ho assistito all’ennesimo atto di arroganza politica di Mangialardi che, attraverso frasi fatte e vuote, parla di ‘onestà e serietà ‘a prescindere’ dagli atti posti in essere da questa amministrazione. Quali sarebbero questi atti Sindaco? Come Consigliere, nel pieno esercizio delle mie funzioni, ho richiesto e (con molta fatica) ottenuto il documento ispettivo che ho letto pagina per pagina.

Al suo interno si esplicitano situazioni, si fanno nomi e cognomi. La relazione redatta dall’Ispettorato Generale di Finanza (facente capo alla Ragioneria Generale dello Stato) in mio possesso è di tipo amministrativo-contabile e fa per così dire una panoramica generale per poi scendere nel dettaglio sul bilancio, sugli organismi partecipati, sulla spesa del personale e sulla fornitura di beni e servizi. Nel mio ruolo di Consigliere a fronte di contestazioni evidenti, circostanziate che riguardano la gestione della cosa pubblica non mi è stato possibile tacere e rimanere indifferente né tantomeno far passare in cavalleria frasi del tipo “…la prassi di procedere ad affidamenti diretti e proroghe reiterate non ha giustificazioni, né in punto di fatto né in punto di diritto…”(pag 63) e ancora si legge “…va ricordato che norme di violazione delle procedure di affidamento lede (…) anche il principio di economicità dell’azione amministrativa ponendosi con ciò quale possibile fonte di danno erariale…”; andando oltre, nel documento si legge che “Proroghe continue (…) hanno con ogni evidenza l’effetto di deprimere l’interesse all’ ingresso nel mercato di nuovi soggetti favorendo il formarsi o il rafforzarsi di oligopoli e veri e propri cartelli”.

Che dire? Non ci sono complotti né illazioni, occorre semplicemente dare una spiegazione logica agli accertamenti a tutti i cittadini perché ci sono in gioco i soldi della collettività e non, come affermato, quando lo si riterrà più opportuno. Ma non è finita. In questo quadro deprimente la giunta Mangialardi insiste nel parlare di trasparenza celebrando una giornata dedicata appunto ai piani di corruzione, al ruolo della società civile ed infine ai servizi sociali ed alla loro organizzazione. Si continua silenziosamente ad ignorare l’evidenza, parlando di ‘routine e di controlli periodici’ sperando che il modus operandi contestato dal MEF venga a poco a poco normalizzato ed accettato dai cittadini. Ho letto il documento, e ciò che vi è scritto deve essere comunicato ai cittadini senza se e senza ma. Se siete una ‘casa di vetro’ dediti alla trasparenza comunicate a tutta la cittadinanza i rilievi che vi vengono contestati e soprattutto attivate provvedimenti idonei per recuperare alcune somme ed accertare eventuali responsabilità. Nel mio ruolo di Consigliere mi attiverò per monitorare tutto ciò che accade nel palazzo purtroppo sempre più arroccato nelle proprie posizioni ed infastidito dal tutto ciò che intralcia l’operato di chi intende la cosa pubblica come una “proprietà privata”. Chi vuole può risentire e vedere la registrazione dell’intera commissione al seguente link: http://senigallia.halleymedia.com/?idLive=96 .


da Giorgio Sartini
consigliere comunale Senigallia Bene Comune

 




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2016 alle 11:19 sul giornale del 16 dicembre 2016 - 776 letture

In questo articolo si parla di politica, giorgio sartini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aEFp





logoEV