Il degrado del sottopasso di via Mamiani: un'opportunità persa per la città

14/12/2016 - Parcheggiare nell'ampio e gratuito parcheggio dell'ex Sacelit e con una passeggiata di pochi minuti arrivare in centro potrebbe essere davvero comodo, se non fosse per incontri poco piacevoli.

Barboni espletano le proprie funzioni fisiologiche in bella vista, come quello fotografato mercoledì mattina. Basterebbe spostarsi di pochi metri per arrivare al parcheggio, lontano dal passaggio delle persone. O, percorrendo qualche metro in più, si potrebbe arrivare in zone del parcheggio che in inverno non vengono mai utilizzate.

Ma forse quello che da più fastidio è la presenza di un numero davvero notevole di escrementi di cani. Una quantità tale per cui nel sottopasso regna incontrastato un cattivo odore solo in parte mitigato dal freddo di questi giorni.

Eppure un parcheggio davvero grande, a ridosso del centro, sarebbe davvero utile per la città. Se solo fosse possibile utilizzarlo senza questi spiacevoli inconvenienti.







Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2016 alle 09:40 sul giornale del 15 dicembre 2016 - 2845 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, sottopasso, via mamiani, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aECJ


luigi alberto weiss

16 dicembre, 08:36
Perchè non organizzare un "tour nel sottopasso" per tutti coloro che, all'epoca, celebravano con grande fracasso il progetto edificatorio della Italcementi-Sacelit, con la chiusura del passaggio a livello e la costruzione del magnifico sottopasso "per unire la città in maniera funzionale e moderna"? Magari alla fine del tour si può offrire anche un cordiale, una grappa, un cognacchino per tirarsi su. Il testa alla comitiva ci vedrei bene l'attuale sindaco, all'epoca assessore al ramo e il sindaco dell'epoca, ma pure gli imprenditori edili che dovevano realizzare l'"elegante" quartiere.

Mi fa piacere che qualcuno si interessi di questo problema dovuto alla maleducazione dei proprietari dei cani, (barboni a parte). Quel sottopassaggio sarebbe di una utilità determinante per chi viene o vive a Senigallia, una volta arrivati si parcheggia e con due passi a piedi siete in centro, purtroppo i vari "murales" dei soliti artisti fenomeni, escrementi, ecc. non rendono piacevole la scelta che si potrebbe fare, piuttosto facciamo due giri in centro con l'auto sperando di trovare posto vicino ai portici. Cosa fare?? includere il sottopassaggio nel giro quotidiano di qualche Op. ecologico e logicamente multe salate a chi passeggia furbescamente d'avanti al cane e non dietro come fanno molti, per poi avere la scusa pronta "non me ne sono accorto".




logoEV