Piazza Garibaldi: A.A.A. eventi natalizi cercasi. La "palla" passa alla Diocesi

piazza garibaldi 11/12/2016 - Piazza Garibaldi rinnovata e restituita ai senigalliesi. Questo per il 2016 può bastare. Almeno per il Comune che per il Natale ormai alle porte non ha predisposto iniziative mirate per calare la piazza del Duomo nel pieno clima natalizio.

Addobbare adeguatamente la piazza e pensare all'allestimento di un albero avrebbe comportato una spesa di almento 100 mila euro. Risorse in questo momento non a disposizione dell'Amministrizione. Ma non solo. C'è anche un problema logistico legato alla presenza degli ambulanti del mercato settimanale. Di qui la decisione, almeno per quest'anno, di non investire in piazza Garibaldi.

La palla ora passa alla Diocesi che potrebbe contribuire all'abbellimento della piazza. La curia sta pensando ad organizzare alcuni eventi natalizi, naturalmente a carattere religioso, proprio in piazza Garibaldi. In pole si sarebbe la celebrazione di una messa solenne, magari proprio quella di Natale, e altre iniziative a scopo benefico dopo l'eliminazione, ormai da due anni, del cenone della solidarietà che si teneva in piazza Simoncelli.





Questo è un articolo pubblicato il 11-12-2016 alle 19:38 sul giornale del 12 dicembre 2016 - 3498 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aEwR


matty Baldoni

12 dicembre, 09:44
Bastava mettere un albero con luci e palline e farci il mercatino di Natale non sarebbe stato molto difficile, non mi venite a dire che il comune avrebbe speso 100 mila euro.
Ridicoli

Commento modificato il 13 dicembre 2016

Anche se ormai credo sia tardi, e soprattutto hanno un costo non indifferente:
- riproporre di nuovo il cenone Caritas di Capodanno, anche per i terremotati nostri ospiti.
- pista pattinaggio su ghiaccio nella zona di pietra chiara, messa trasversalmente per evitare eccessiva pendenza e con con teli protettivi sotto (come fanno già di solito) in modo da non far spostare le bancarelle del mercato settimanale.
- spostare lì il mercatino di natale di via Chiostergi, così da collegarsi a quello che di solito viene fatto sotto i portici.
- mercatino natalizio alternativo, con prodotti delle Diocesi italiane (e magari di prodotti delle zone terremotate).

OFF TOPIC (fuori argomento): quella foto mi piace tantissimo, vorrei chiederne copia a chi l'ha fatta.

PS: neanche a farlo apposta, notizia del Corriere della Sera del 13/12
http://cucina.corriere.it/food-issue-2016/cards/cosa-mangiare-mercatini-natale-25-tappe-golose-italia-europa/ancona-terremotati.shtml
Ancona si, Senigallia....?

Vitale Vitaliano

12 dicembre, 15:12
Era prevedibile.
Anche se si affannassero a fare in quella piazza 10 eventi l'anno, rimarrebbe comunque deserta i restanti 355 giorni.