Coni Ragazzi, al via la 2° edizione del progetto di promozione della pratica sportiva

Sport generico 08/12/2016 - Dopo il successo dello scorso anno, riparte Coni Ragazzi, il progetto che punta a rendere davvero accessibile lo sport ai più giovani, soprattutto a coloro che appartengono a famiglie meno agiate o abitano in realtà a rischio di disagio sociale.

Alla sua seconda edizione, Coni Ragazzi nelle Marche amplia il suo raggio d’azione. Se lo scorso anno si era rivolto solo a quattro comuni della regione (Ancona, Grottammare, Civitanova Marche e Corridonia), quest’anno si rivolge a 36 realtà, in particolare a quelle che ospitano i ragazzi sfollati dai territori colpiti dal terremoto, affinché l’attività sportiva sia garantita anche a loro.
Per 19 settimane, bambini di età compresa tra i 5 ed i 13 anni, che fanno parte di famiglie non abbienti o residenti in quartieri cittadini a rischio di disagio sociale o evacuati dai comuni danneggiati dal sisma e ospiti delle realtà marchigiane lontane dall’emergenza, potranno praticare gratuitamente sport per 2 ore a settimana. È così che il Coni, in collaborazione con la presidenza del Consiglio dei ministri e con il ministero della Salute, afferma ancora una volta il diritto allo sport. Un diritto universale e del quale, dunque, nessuno può essere privato, soprattutto i più piccoli e soprattutto per motivi economici. Perché sport significa tutela della salute e sviluppo del benessere psico-fisico ed in questo momento, per i ragazzi di questa regione, anche tentare di tornare alla normalità, di superare le difficoltà e sentirsi parte di una comunità. Ecco perché il Coni Marche, d’intesa con quella nazionale, ha allargato il progetto alle società ed associazioni sportive delle cittadine marchigiane che hanno accolto gli sfollati dei comuni vittime degli eventi sismici dei mesi scorsi.

Ecco dunque l’elenco dei comuni. Per la provincia di Ancona: Ancona, Arcevia, Castelfidardo, Fabriano, Loreto, Numana, Sassoferrato, Senigallia, Sirolo. Provincia di Ascoli Piceno: Ascoli Piceno, Comunanza, Cupra Marittima, Force, Grottammare, Monteprandone, San Benedetto del Tronto. Provincia di Fermo: Amandola, Fermo, Monterubbiano, Petritoli, Porto San Giorgio, Porto Sant'Elpidio. Provincia di Macerata: Camerino, Cingoli, Civitanova Marche, Corridonia, Macerata, Matelica, Monte San Giusto, Morrovalle, Porto Recanati, Potenza Picena, Sarnano, Tolentino. Le città di Pesaro e Urbino per la provincia di Pesaro-Urbino.

Il primo step del progetto riguarda la candidatura delle società ed associazioni sportive del territorio che intendono prendere parte a Coni Ragazzi. Il bando di selezione sarà aperto fino al 16 dicembre prossimo. Si accede tramite la piattaforma http://area.coniragazzi.it. Entro 5 giorni dalla chiusura della procedura di selezione, il Coni fornirà l’elenco della società ed associazioni idonee. A questo punto si aprirà la seconda fase del progetto che vedrà la raccolta delle domande delle famiglie per l’iscrizione dei ragazzi al programma sportivo, che prevede attività motoria di base per i bambini dai 5 agli 8 anni e attività polivalente, pre-sportiva e sportiva per i bambini dai 9 ai 13 anni. Il tutto completamente gratuito per i genitori dei ragazzi. Il progetto è rivolto anche ai disabili per i quali le società ed associazioni sportive oltre ai propri tecnici ed alle proprie strutture, metteranno a disposizione un operatore di sostegno. Non solo allenamenti, i partecipanti a Coni Ragazzi seguiranno anche una campagna informativa sui corretti stili di vita, veicolata nelle scuole ed attraverso eventi creati ad hoc dal Coni.

Il successo ottenuto da Coni Ragazzi nel 2015, anno di lancio del progetto, dimostrati dai feedback positivi di famiglie, società ed associazioni sportive, raccolti dai Comitati regionali, hanno convinto il Coni a proseguire su questa strada, confermando Coni ragazzi anche quest’anno e migliorandolo, affinché si possa continuare concretamente ad incoraggiare i bambini a svolgere attività fisica, facilitandone il processo di crescita sana dal punto di vista logico, motorio e relazionale, promuovendone abitudini di vita salutari, contrastando così anche l’obesità infantile e promuovendo i valori educativi dello sport, come lo spirito di gruppo e l’inclusione sociale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-12-2016 alle 15:35 sul giornale del 09 dicembre 2016 - 470 letture

In questo articolo si parla di sport, Coni Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aErA