Montemarciano: lutto in comune, è morto l'ex sindaco Pericle Paladini

10/11/2016 - Il 9 novembre si è celebrato nella chiesa Parrocchiale di Montemarciano il funerale del Comm. Pericle Paladini. In tale occasione il Sindaco Liana Serrani ha voluto ricordare la figura dell'ex Sindaco di Montemarciano con il seguente elogio funebre.

“Alla Famiglia Paladini, alla Signora Florenza, ad Emanuele e Carlo Amedeo, desidero esprimere innanzitutto anche a nome della Cittadinanza di Montemarciano, il mio piu’ profondo cordoglio. Pericle Paladini è stato senza ombra di dubbio, fin dalla sua giovane età, un protagonista di rilievo della nostra comunità, e non soltanto quella , fin da quando, giovane Partigiano, come egli stesso racconta nel suo libro autobiografico “Testimonianza di un giovane Partigiano-Sognando la libertà”, partecipò alla lotta di Liberazione dal nazifascismo contribuendo a restituire all’Italia, a tutti noi, quei diritti, quella libertà, quella dignità ingiustamente soffocati in una oscura e ventennale tirannia. E tanto già basterebbe per ricordare piu’ che degnamente una persona.

Ma del Cavalier Paladini - onorificenza conferitagli dal Presidente della Repubblica nell’ormai lontano 1952, tra i più giovani imprenditori ad averla ricevuta, quale riconoscimento per tutta la sua attività imprenditoriale - sarebbe, impossibile citare tutti gli importanti lavori realizzati, tra tanti, solo nel nostro Comune, l’Asilo San Giuseppe a Marina e la ristrutturazione della vicina Chiesa del Sacramento. Ricordandolo per circa un ventennio Vice Presidente di uno dei più importanti Istituti bancari locali, mi preme però sottolinearne, ovviamente, anche la figura istituzionale di Sindaco del nostro Comune, funzione rivestita dal 1957 al 1964. Anni difficili, anni in cui si curavano ancora le ferite subite nell’ultimo conflitto mondiale. Anni di guerra fredda in cui le forze politiche, anche locali, si contrapponevano duramente, ma anche lealmente, per la ricrescita, materiale ma anche morale, di Montemarciano.

All’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Paladini si devono tante importanti realizzazioni, tra cui l’acquedotto per la frazione Marina, la nuova rete idrica del Capoluogo, il nuovo edificio per le scuole elementari di Marina e tanto ancora. Da ricordare che si era in tempi di forte contrapposizione politica, ma anche in presenza dei primi tentativi di dialogo costruttivi tra le forze politiche più progressiste, perseguiti da un Politico nazionale di nome Aldo Moro, del quale tutti conoscono la storia politica e la tragedia personale, legatissimo a Montemarciano. Pericle Paladini dopo la tragica scomparsa dello Statista si spenderà particolarmente, e con successo, per far avanzare, seppur con i tempi che la politica spesso richiede, quei nuovi ed ormai indispensabili equilibri politici ed amministrativi anche a livello locale. Il Pericle Paladini marito, padre, nonno rimarrà per sempre nei ricordi affettuosi della sua famiglia e di tutte le persone che gli avranno voluto bene.

Il Pericle Paladini Partigiano, Sindaco, Politico è invece già da tempo consegnato alla storia politico-amministrativa di Montemarciano. L’Istituzione comunale, qui da me oggi rappresentata, lo ricorda con gratitudine, per tutto ciò che ha fatto per contribuire, ad ogni livello, allo sviluppo della nostra Comunità, obiettivo perseguito anche da parte di altri suoi familiari, e non posso qui non ricordare il compianto Dante ed il qui presente Emanuele, entrambi già Vice Sindaci in recenti passate Amministrazioni. A tutta la famiglia con il mio abbraccio giunga anche l’abbraccio di tutta la comunità montemarcianese.”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2016 alle 16:48 sul giornale del 11 novembre 2016 - 1166 letture

In questo articolo si parla di attualità, montemarciano, Comune di Montemarciano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDkl