Affitti di case fantasma o acquisti di oggetti mai recapitati: 4 persone denunciate per truffa via internet

Truffa su internet 09/11/2016 - Truffe via internet. Al termine delle indagini, svolte dal Commissariato di Polizia di Senigallia a seguito delle numerose denunce raccolte, soprattutto nel periodo estivo, relative ad affitti di case fantasma o acquisti di oggetti mai recapitati, il personale diretto dal Vice Questore Aggiunto Agostino Maurizio Licari ha denunciato 4 persone.

Le denunce si riferiscono a 3 distinti episodi di truffa. In particolare, il 35enne D.I. ed il 33enne P.F., entrambi residenti in provincia di Pescara, già noti alle forze di polizia perché resisi autori di episodi simili (il 35enne risulta avere accumulato oltre 80 denunce negli ultimi tre anni per truffe commesse tramite internet), sono stati denunciati per un episodio avvenuto la scorsa estate.

Una famiglia della provincia di Torino, dopo aver affittato tramite internet una casa sul lungomare Mameli ed aver versato l’acconto pari a 300 euro, si era presentata all’indirizzo indicato senza però trovare né l’affittuario né la casa posta in affitto.

Così la famiglia di Torino aveva immediatamente sporto denuncia, fornendo al personale del Commissariato tutti i dati con i quali erano avvenuti gli accordi e le transazioni bancarie per il pagamento dell’acconto, dai quali gli agenti, approfondendo le verifiche sul circuito internet e presso gli istituti di credito interessati, sono riusciti a risalire all’identità dei due truffatori.

Un altro caso di affitto per una casa estiva inesistente ha portato alla denuncia di una donna di 33 anni. D.M., di origine rumena ma da anni residente nel nord-Italia, come appurato dalla Polizia che ha raccolto la denuncia di una famiglia proveniente dal mantovano, avrebbe beneficiato della somma versata dalle vittime.

Infatti i turisti, dopo aver preso accordi con la presunta affittuaria ed aver versato l’acconto di 300 euro, nel periodo di ferragosto, erano arrivati a Senigallia. Ma, una volta sul lungomare Alighieri, non avevano trovato né la presunta affittuaria né la casa scelta per trascorrere le proprie vacanze sulla spiaggia di Velluto.

Infine è stato denunciato il 25enne rumeno L.D. poiché individuato quale responsabile di una truffa a carico di un senigalliese che, occupandosi di attività artigianale, aveva deciso di acquistare via internet un pezzo, necessario al suo lavoro, del valore di 1500 euro.

Avendo versato la somma accordata con transazione on line ed avendo verificato che la somma era stata accreditata su un conto corrente, dopo diverso tempo, non avendo ricevuto la merce acquistata, il senigalliese ha compreso di essere stato truffato e si era rivolto al Commissariato. Le indagini hanno ora portato alla denuncia del 25enne.





Questo è un articolo pubblicato il 09-11-2016 alle 12:49 sul giornale del 10 novembre 2016 - 1611 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, internet, truffa, senigallia, Sudani Alice Scarpini, web, commissariato di senigallia, articolo, casa vacanza e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDg6


x la Redazione:
Non centra nulla con l'articolo il mio commento.
Ma dell'elezione del nuovo Presidente Usa Donald Trump non se ne parla oggi?
O il partito dei ravanelli, rossi di fuori, bianchi dentro ha dato disposizioni in tal senso?

Commento modificato il 09 novembre 2016

OFF TOPIC

Ciao Leotex

Onestamente che c'entra una testata online locale con la politica internazionale?
Non credo che Trump se ne avrà a male se a Senigallia non si parla di lui

:-D

A meno che non voglia bombardare il Summer Jamboree!

E comunque l'articolo c'è, qui dove ha più senso che stia:
http://www.vivere.biz/index.php?page=articolo&articolo_id=614569

Nemmeno sapevo che esisteva vivere italia!

Off-topic

i congiuntivi sono andati a farsi benedire xD




logoEV