Terremoto, Brignone: "Aziende compromesse rischiano la chiusura"

07/11/2016 - L’ultimo evento sismico del 30 ottobre scorso ha ulteriormente aggravato la già compromessa situazione delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto coinvolgendo anche il patrimonio di circa tremila aziende agricole, agroalimentari e centomila animali da reddito tra Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo.

I danni strutturali ai fabbricati, agli impianti, ma anche la difficoltà a garantire l’alimentazione e l’acqua agli animali che devono essere nutriti tutti i giorni, hanno costretto gli allevatori a restare nei luoghi terremotati per non abbandonare gli animali e la propria unica fonte di reddito, poiché il 90% delle aziende è a conduzione familiare. L’agricoltura in questi territori contribuisce in modo rilevante all’occupazione e all’ economia e rappresenta un patrimonio culturale ed enogastronomico da tutelare.

“Ho raccolto il grido di allarme di alcuni allevatori e agricoltori incontrati in questo fine settimana, costretti a mungere capre e mucche all’addiaccio. Senza un riparo sicuro per loro e per il bestiame, le attività rischiano di chiudere definitivamente. Non è tollerabile attendere le disposizioni dei nuovi interventi in favore delle popolazioni colpite dal terremoto messe a punto dal Governo il 3 ottobre scorso. Occorre immediatamente dotare di container o moduli abitativi gli agricoltori e assicurare ricoveri sicuri per il bestiame con stalle e fienili distrutti o inagibili. Gli animali non possono aspettare la burocrazia, hanno necessità nell’immediato di poter trovare un riparo adeguato alle condizioni climatiche molto rigide delle zone colpite dal sisma. Ho quindi chiesto al Ministro Martina con una interrogazione depositata questa mattina, quali iniziative intende adottare per dare la possibilità agli allevatori di stare con propri animali. Le aziende agricole versano in gravi condizioni e se non si creano le condizioni per garantire vivibilità, sicurezza, operatività, accudimento del bestiame e continuità del lavoro, perderemo un patrimonio enogastronomico conosciuto in tutto il mondo”.

Lo dichiara in una nota Beatrice Brignone, deputata di Possibile.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-11-2016 alle 21:55 sul giornale del 08 novembre 2016 - 57179 letture

In questo articolo si parla di politica, beatrice brignone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDdz


goffredo marcosignori

08 novembre, 22:04
Tranquilla Brignone, ci governa la sinistra, ci penserà il governo Renzi - Boldrini e c. a risolvere i problemi dei terremotati, anche quelli Emiliani del 2012/3, che ancora aspettano.

Spero andrà meglio, Goffredo.
Nel 2012 c'era il Governo Monti in carica,con pressoché l'intero arco costituzionale di cui buona parte l'ex centrodestra, e ti posso garantire che i fondi sono arrivati e stanno ancora arrivando e sono serviti tutti.




logoEV