Perché Sì: riformare la costituzione per cambiare l’Italia

07/11/2016 - l 4 dicembre 2016 basta un Sì per cambiare l’Italia. Giovedì 10 novembre 2016 alle ore 18,30 alla sala convegni del Senbhotel a Senigallia incontro pubblico organizzato dal comitato “Un Sì per Senigallia” con l’On. Alessia Morani componente della commissione Giustizia, il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi ed il segretario del P.D. Avv. Elisabetta Allegrezza.

Manca poco meno di un mese all’appuntamento referendario. Il 4 dicembre abbiamo finalmente l’occasione di votare Sì ad una riforma che affronta efficacemente alcune fra le maggiori emergenze istituzionali del nostro Paese: superamento del bicameralismo paritario, abolizione del CNEL, riduzione del numero dei parlamentari ed una più chiara ridefinizione delle competenze tra Stato e Regioni. Il 4 dicembre aiutaci a cambiare l’Italia basta solo un Sì!







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-11-2016 alle 18:43 sul giornale del 08 novembre 2016 - 1409 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDdb


Commento modificato il 07 novembre 2016

ahahhahahhahhh , basta un si e saremo sempre a 90gradi, come mai che dopo 2anni di promesse stiamo sempre peggiorando, GOVERNO PIENO SOLO DI LADRI E LECCHINI

luigi alberto weiss

08 novembre, 09:16
Alla "signora" Morani faccio una domanda: come mai la riduzione dei parlamentari è stata fatta solo per il Senato (che continua a esistere) e non anche per la Camera dei deputati? Forse perchè altrimenti lei avrebbe rischiato la poltrona, visto che è deputata?

Alla signora, anzi dottoressa, mi dicono che è laureata in legge dico:

1. Ma non le è bastata la figura che ha fatto dicento all'anziana di ipotecare la casa se non arriva a fine mese?

2. Lei fa la ganza solo in tv, dove non ci si confronta con la gente.

3. Lei ha speso 300mila euro in tre anni, ma il suo partito attacca Di Maio che ne ha spesi 100mila, peraltro rinunciando volontariamente al doppio stipendio.

Ergo lei, come il PD, non ha il diritto morale di parlare, sempre che capisca il termine "morale", cosa della quale dubito.