Ostra Vetere: carabiniere sparò e uccise il ladro in fuga, condannato a un anno

Giudice, tribunale, giustizia 07/11/2016 - Si è conclusa con una condanna in primo grado ad un anno di carcere, con pena sospesa, la vicenda giudiziaria che ha visto come imputato un carabiniere della Compagnia di Senigallia, che nel febbraio del 2016 sparò, uccidendolo, un albanese che non si era fermato al posto di blocco.

La vittima, il 24enne Korab Xheta, stava scappando insieme ad alcuni complici a bordo di un'auto dopo aver compiuto alcuni furti in abitazione. Il giovane fu raggiunto mortalmente alla testa dal rimbalzo di un proiettile sparato dal carabinieri verso l'auto in fuga. Per il pm Mariangela Farneti, che aveva chiesto una condanna a un anno e otto mesi, il militare sarebbe stato colpevole di omicidio colposo perchè non avrebbe dovuto sparare in direzione dell'auto. La difesa, dal canto suo, aveva chiesto l'assoluzione per l'imputato.





Questo è un articolo pubblicato il 07-11-2016 alle 16:56 sul giornale del 08 novembre 2016 - 5006 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDcD


Io gli darei una medaglia!

matty Baldoni

07 novembre, 17:28
Io sto con il Carabiniere, se quel ragazzo avrebbe fatto la brava persona non sarebbe morto

luigi alberto weiss

07 novembre, 18:18
E così l'Italia è sempre più vicina al baratro.
Ma sarebbe interessante conoscere anche con quali "modalità" il carabiniere avrebbe dovuto fermare il ladro. Un fischio? Lanciandogli un sasso?
O forse sarebbe stato meglio che i cittadini di Ostra Vetere avessero fatto finta di niente, lasciando campo libero ai malviventi?

Purtroppo è cosi'. IN ITALIA LA DELINQUENZA E' TUTELATA. Con queste teste che ci comandano sara' sempre peggio.