Mercato Europeo Ambulante: edizione zero con numeri da record

07/11/2016 - Si è chiuso con numeri ben al di sopra delle previsioni e con un gran successo di pubblico il MEA Senigallia 2016, il Mercato Europeo Ambulante, che si è tenuto nel centro storico della città rivierasca grazie all’organizzazione di Confcommercio Imprese per l’Italia Marche Centrali – Fiva con la collaborazione dell’amministrazione comunale locale.

Sono state più di 70 mila le persone che hanno visitato gli stand del MEA il mercato ambulante europeo che sta riscuotendo numerosi successi potendo contare sulla partecipazione di molti commercianti italiani, europei ed internazionali. Gli stessi espositori, al termine della kermesse senigalliese, hanno espresso grande soddisfazione sia per la presenza di visitatori che per l’accoglienza e la bellezza della città.

Senigallia ha accolto splendidamente il MEA tanto che la città a tratti è stata anche bloccata per l’incredibile afflusso di persone nella kermesse del mercato ambulante europeo. E’ stata insomma una grande festa europea che ha avuto anche un’importante finestra sul terremoto con la raccolta di fondi avviata dai commercianti presenti al MEA. I riscontri positivi non sono stati solo negli stand del MEA 2016 ma anche nei negozi in sede fissa e nei pubblici esercizi dove c’è stato grande movimento e indotto economico tanto che in alcuni locali (come testimoniano i cartelli esposti dagli stessi operatori) sono terminate le scorte a disposizione. Successo dunque per il Commercio e per la città di Senigallia in un connubio che potrebbe essere ripetuto anche nel 2017.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-11-2016 alle 18:45 sul giornale del 08 novembre 2016 - 1679 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDdc


Un bell'evento a cui vorrei suggerire alcuni correttivi per i prossimi anni.
Lasciare Piazza Simoncelli irraggiungibile e vuota con i mezzi degli standisti parcheggiati attorno alle mura, spesso a notevole distanza dalle loro bancarelle per movimentare le merci, e contemporaneamente togliendo posti auto ai possibili visitatori, non ha molto senso: a questo punto meglio fare lasciare i loro mezzi direttamente in Piazza Simoncelli e nella parte di Via Testaferrata dove attualmente non si passa più in auto (per non sporcare la pavimentazione).
Non sarebbe male integrare in qualche modo la parte in Piazza Duomo con un anticipo di mercatini natalizi, anche per riempire tutta la piazza.

Ammetto che ho comprato poco perché spesso alcune cose avevano prezzi, per così dire, altini: per questo non credo che possa aver fatto "concorrezza sleale" alle attività di ristorazione presenti in città, come leggo da qualche parte.




logoEV