Morro d'Alba: l'amministrazione comunale sull'esito del referendum, 'Opportunità persa'

Morro d'Alba 03/11/2016 - L'Amministrazione Comunale prende atto del voto e quindi della scelta dei cittadini confermando e ribadendo che tale decisione è sovrana, come già fin da subito espresso. Pertanto il progetto di fusione per incorporazione con il Comune di Senigallia è revocato e non sarà suscettibile di modifica.


Crediamo che sia stata persa una  opportunità ma rispettiamo e rispetteremo sempre il volere della cittadinanza. Come più volte detto in questi mesi, abbiamo fortemente creduto prima nell'Unione dei Comuni con San Marcello e Belvedere Ostrense e poi in un progetto di fusione con gli stessi, incontrando però forti e continue difficoltà che ci hanno portato a sottoporre alla valutazione dei cittadini quella che abbiamo ritenuto essere un’ opportunità di sviluppo per il nostro territorio attraverso la massima espressione di democrazia della quale l'Amministrazione disponeva: il Referendum.
Nel corso delle assemblee abbiamo sempre dichiarato che, qualora il progetto di fusione per incorporazione con il Comune di Senigallia non fosse andato in porto, avremmo continuato a lavorare per il massimo efficientamento dei servizi dell'Unione ed è questo che faremo.

Vogliamo infine ringraziare la minoranza consiliare, che ha fortemente creduto nel progetto affiancandoci anche nel presentarlo alla cittadinanza, e tutti i cittadini che nell'esprimersi per il si o per il no hanno dimostrato un atteggiamento corretto e civile, espressione del senso civico e del rispetto che sono i grandi valori della democrazia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2016 alle 14:26 sul giornale del 04 novembre 2016 - 952 letture

In questo articolo si parla di attualità, referendum, morro d'alba, comune di morro d'alba, fusione per incorporazione, Morro d'Aba

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aC4S


Sarebbe da capire la possibilità a questo punto di operare la fusione solo con San Marcello, data l'indisponibilità di Belvedere Ostrense.
E rimanere in unione con Belvedere, che a questo punto sarebbe una unione a due e non più a tre.