Senigallia solidale: Volpini, "Strutture alberghiere aperte per i terremotati"

lungomare senigallia 30/10/2016 - Senigallia si mobilita per mettere a disposizione delle popolazione sfollate a causa del terremoto alcune strutture alberghiere.

L'appello, lanciato dalla Regione Marche, è stato recepito dall'Associazione Albergatori che in queste ore sta organizzando le disponibilità. A Senigallia infatti pochi sono gli alberghi aperti in questo periodo.

"Secondo il Presidente della Regione sono circa 100.000 marchigiani che stanotte non avranno un tetto -osserva il presidente della Commissione regionale Sanità Fabrizio Volpini- Senigallia con le sue strutture alberghiere-recettive dovrebbe battere un colpo. Da una telefonata con il Presidente dell'Associazione Albergatori e un sms del responsabile della Confcommercio ho avuto conferma che stanno lavorando per reperire camere da mettere a disposizione e ci sono già diverse adesioni. Non avevo dubbi, Senigallia è città solidale".

"Abbiamo comunicato in Regione la disponibilità Iimmediata, già per domenica notte di 370 camere e 900 posti letto -conferma Marco Manfredi presidente dell'associazione albergatori-. Da lunedi e dopo sicuramente altri hotels riusciranno a riorganizzare l'lapertura per accogliere chi ne ha bisogno..." .





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-10-2016 alle 17:01 sul giornale del 31 ottobre 2016 - 4788 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, lungomare, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aCVG


Se qualche albergo anche chiuso, avesse al suo interno, pompe di calore o termosifoni, potrebbe essere adatto allo scopo. Volere è potere.