I Giovani Democratici sulla vittoria del No al referendum del 23 ottobre

morro d'alba 26/10/2016 - I Giovani Democratici sulla vittoria del No al referendum del 23 ottobre I circoli dei Giovani Democratici di Senigallia e della Vallesina apprendono con amarezza l'esito, negativo in entrambi i Comuni, del referendum sulla fusione per incorporazione del Comune di Morro d'Alba nel Comune di Senigallia, in quanto riteniamo che si sia persa una possibilità di sviluppo per due realtà del territorio entrambe colpite dalla recessione, Morro d'Alba in special modo.

I vantaggi della fusione sarebbero stati molteplici per entrambe le parti in gioco, come la deroga sul Patto di Stabilità, che blocca gli investimenti a favore del tessuto economico e sociale e non permette l'assunzione di personale tecnico in grado di agevolare il lavoro del Comune, valida per 5 anni e l'introito, spalmato in 10 anni, di un massimo di 2 milioni di Euro, che sarebbero stati divisi equamente tra Senigallia e la municipalità di Morro d'Alba e che sarebbero potuti servire per finanziare opere di assestamento e crescita.

Inoltre se la Regione non sblocca la situazione, i due Comuni non potranno più attuare fusioni per la prossima decade: ciò comporterebbe gravi danni all'economia del Comune e dei cittadini morresi, mentre Senigallia si vedrà estromessa dai processi di fusione che, nei prossimi anni, potrebbero coinvolgere la vallata del Misa e del Nevola. La Giovanile continuerà in ogni caso a sostenere questi processi di condivisione territoriale volti a semplificare la macchina amministrativa, ottimizzare i costi e favorire lo sviluppo.

Arrigo Bellelli – Segretario GD Vallesina
Michele Carotti – Segretario GD Senigallia


da Giovani Democratici
Provincia di Ancona




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2016 alle 10:51 sul giornale del 27 ottobre 2016 - 722 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd, giovani democratici, gd, gd ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aCKR


Come al solito, i "democratici" (virgolette d'obbligo dato che non lo sono) parlano per slogan e propaganda, come imposto dal loro boss.

"I vantaggi della fusione sarebbero stati molteplici per entrambe le parti in gioco, come la deroga sul Patto di Stabilità, che blocca gli investimenti a favore del tessuto economico e sociale e non permette l'assunzione di personale tecnico in grado di agevolare il lavoro del Comune, valida per 5 anni e l'introito, spalmato in 10 anni, di un massimo di 2 milioni di Euro, che sarebbero stati divisi equamente tra Senigallia e la municipalità di Morro d'Alba e che sarebbero potuti servire per finanziare opere di assestamento e crescita."

1. Imparate a scrive delle frasi più corte, altrimenti non si capisce nulla;

2. "Divisi equamente"? Senigallia ha 45mila abitanti contro i 2mila di Morro D'alba, difficile sostenere sia equa, la ripartizione;

3. Sostenere che i fondi dovuti alla deroga siano disponibili "solo se" ci fosse stata la fusione è una sciocchezza madornale, è che i costi del comune unico si sarebbero ridotti, tutto qui;

4. Senigallia si voleva pappare morro d'alba per appropriarsi delle etichette di qualità che senigallia non ha, per nessun altro motivo, quindi evitiamo le ipocrisie e le arrampicate sugli specchi.

Vedo con stupore, ma nemmeno eccessivo, che la "scuola di formazione politica del PD" (ovvero la scuola di introttinamento e lavaggio del cervello) non è servita a molto, ma me lo sarei dovuto aspettare.

Direi, dunque, bocciati entrambi.

Filomena Martucci

26 ottobre, 16:30
Voi sostenete che i vantaggi sarebbero stati certi. Chi ha votato no pensa evidentemente il contrario. Chi ha votato no è stata la stragrande maggioranza di coloro che si sono recati al voto. Non vi viene il dubbio che gli altri (così numerosi rispetto a voi) possano aver ragione? Siete veramente così presuntuosi di pensare che solo voi siete i depositari della verità? Che solo voi sapete come vanno le cose e cosa sarebbe meglio per gli altri? Non vi rendete conto che se i vostri consiglieri comunali avevano votato si all'unanimità non rappresentano più il popolo ma solo loro stessi?

luigi alberto weiss

27 ottobre, 08:31
I Giovani (?) Democratici non si smentiscono mai: privi di dubbi e di interrogativi su qualsiasi cosa che ordina il capo supremo, ubbidienti e disciplinati come tanti soldatini di piombo (!). Una cosa dovrebbero spiegare alle persone: perchè un Comune per ottenere i finanziamenti necessari a far funzionare i suoi servizi quindi a far vivere bene i suoi residenti, deve obbligatoriamente piegarsi a questa pratica della fusione con altre località spesso più grandi, come in questo caso.
Sarebbe una maniera per dimostrare che sanno occuparsi di politica.
Intanto però potrebbero ripassare qualche testo a proposito di partecipazione democratica, pluralismo, voto popolare. Hanno MOLTO da imparare!

Vitale Vitaliano

27 ottobre, 12:43
Comunicato patetico fatto da gente che non accetta la sconfitta.

Questa è la prima batosta, la seconda, quella grossa, arriverà il 4 dicembre

Pablo Utente Vip

27 ottobre, 17:55
Ovvio che c'è dell'altro a cui pensare però questo comunicato andrebbe letto, un po' come le barzellette della Settimana Enigmistica prima di tornare al "Bartezzaghi". Non sto a dire che hanno torto solo perché sono del PD, ma come cacchiarola fanno a dire che gli altri hanno sbagliato? Senza scomodare le percentali ed i numeri di Morro d'Alba, basti pensare che il NO ha vinto pure a Senigallia dove, vista l'affluenza, sarebbero bastate un paio di telefonate ben assestate per spedire al seggio le truppe cammellate e vedere lievitare i sì. Invece sono rimaste in caser... a casa. E' singolare ma ho incontrato persone dei ''loro'' che il mercoledì mi dicevano di non sapere che si era votato la domenica precedente, e non ho infierito con nessuno di loro per vedere se conoscessero il tema del referendum. Di un paio di giorni prima le parole del Sindaco Mangialardi, il quale si rammaricava dell'occasione perduta e di come i cittadini non avessero capito l'importanza di fare questa fusione. Che la mossa di far passare tutto in sordina, perché a me è parso di cogliere proprio questo, sia stata deleteria anche e soprattutto per loro?