Pallanuoto: l'Adriakos costretta a dire addio alla squadra di pallanuoto

adriakos 06/10/2016 - L’Adriakos Senigallia dice addio alla pallanuoto. La passione di noi ragazzi per questo sport, tanto duro e impegnativo, ma anche tanto gratificante dal punto di vista umano, si scontra con la dura realtà: i soliti problemi, alti costi di gestione, sponsor con il contagocce, ma anche…

Subito dopo l’annuncio della società nel mese di agosto, con i nostri genitori abbiamo cercato una disperata soluzione coinvolgendo le Istituzioni cittadine: avere una squadra di pallanuoto, per una città di mare, è prestigioso, confrontarsi con realtà più blasonate, come Ancona e Perugia, è motivo di orgoglio. La proposta contenuta nella lettera inviata al Sindaco di Senigallia dopo pochi giorni puntava a cercare la mediazione tra l’Adriakos e la società UISP che da anni organizza corsi di pallanuoto a livello amatoriale: poter contare su un numero di ragazzi adeguato per portare avanti un progetto di medio-lungo periodo, disporre di più spazi d’acqua, abbattere i costi di gestione, questi gli obiettivi principali della missiva.

Risultato: un nulla di fatto o forse sarebbe meglio dire “un buco nell’acqua”. Il perché di questa sconfitta, non solo per noi, ma per tutta la collettività, è semplice: i valori dello sport contano poco, se non altro contano meno rispetto ad interessi di altro genere. Rimane solo l’amara esperienza come lezione vita: dovremo necessariamente far tesoro di questa lezione, potrebbe servirci nell’età adulta.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-10-2016 alle 10:25 sul giornale del 07 ottobre 2016 - 3448 letture

In questo articolo si parla di adriakos, pallanuoto, sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBZ6