Morro d'Alba: no all'incorporazione con Senigallia, venerdì un incontro pubblico

referendum generico 06/10/2016 - Il COMITATO NO INCORPORAZIONE CON SENIGALLIA nell’ambito della sua attività informativa nella vicenda dell’incorporazione di Morro d’Alba in Senigallia, ha indetto un’assemblea pubblica che si terrà a Morro d’Alba, venerdì 7 ottobre, presso l’Auditorium, invitando tutti i cittadini dell’Unione dei Comuni di Morro d’Alba, San Marcello e Belvedere Ostrense al fine di discutere il rilancio e la rifondazione dell'Unione dei Comuni.

Riportiamo di seguito l’appello AI CITTADINI DELL’UNIONE DEI COMUNI di Morro d’Alba, San Marcello e Belvedere Ostrense. Carissimi cittadini dell'Unione dei Comuni, come saprete i morresi, a breve, saranno chiamati al referendum per decidere sull'incorporazione con Senigallia, la quale avrebbe effetti diretti sul nostro Comune, che si estinguerebbe, ma anche conseguenze indirette per tutta l'Unione dei Comuni della quale fate parte anche voi. Abbiamo costituto un Comitato non solo per dire no all'incorporazione di Morro d'Alba con Senigallia, ma soprattutto per chiedere il rilancio e la rifondazione dell'Unione dei Comuni , che ci ha già visto all'avanguardia per l'associazione delle funzioni amministrative, cosa che lo Stato oggi richiede a tutti i Comuni.

Questa Istituzione, nata dalla storica collaborazione sperimentata nei Consorzi (acquedotto, metanodotto, scuola media) che hanno inciso sulla qualità della vita del nostro territorio, basti pensare all'accesso a Gorgovivo per l'acqua ed alla metanizzazione, oggi può vantare un avanzato sistema di raccolta differenziata ma soprattutto un'eccellenza scolastica come l'Istituto Comprensivo, dove si è formata e si forma il sostrato culturale della nostra Comunità. Proprio la scuola ha dunque consentito un legame sempre più stretto fra le nostre realtà per cui ci battiamo affinché non si faccia una scelta che le divida per sempre.

Non possiamo non nasconderci tuttavia che, l'attuale orientamento dell'Amministrazione Comunale di Morro d'Alba, che non condividiamo, esprime un reale malessere nella gestione dell'Unione che rischia di comprometterne il funzionamento e la vita e che deve essere rimosso con il contributo di tutti i cittadini. Il fallimento dell'Unione, in presenza di ulteriori riduzioni di trasferimenti statali, prima o poi, potrebbe esporre tutti al rischio di dover rinunciare alla propria autonomia amministrativa ed alla propria identità territoriale. Nella nostra petizione abbiamo chiesto un progetto per l'Unione che punti all'efficienza dei servizi e ad uno sviluppo equilibrato di tutto il territorio. Lavoriamo insieme per questo e chiediamolo insieme ai nostri amministratori. VI ASPETTIAMO A MORRO D'ALBA VENERDI’ 7 OTTOBRE, ALLE 21, all’Auditorium in piazza Tarsetti.


da Comitato no incorporazione con Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-10-2016 alle 10:15 sul giornale del 07 ottobre 2016 - 668 letture

In questo articolo si parla di politica, morro d'alba

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBZ3


Un appello da cittadino senigalliese ai cittadini dei Comuni dell'Unione di Morr d'Alba, Belvedere, San Marcello: perché Morro d'Alba pensa alla fusione con Senigallia e non, secondo logica, con gli altri due con cui costituisce l'Unione?
Quali sono le problematiche "insormontabili" che costringono Morro d'Alba a vedere con interesse la fusione con Senigallia anziché con gli altri?
Mi serve capire questa cosa per prendere la mia decisione finale sul referendum.
Vi ringrazio.