I residenti del centro: "Impossibile trovare parcheggio". Il sindaco, "Promuoviamo la mobilità alternativa"

ztl senigallia 06/10/2016 - Torna a far discutere il problema dei parcheggi per i residenti del centro storico. La situazione secondo quanto segnalato da un cittadino, è ancora più critica dopo che sono stati sottratti parcheggi nella zona di piazza Garibaldi.

Lascio la mia abitazione generalmente alle 7.30 del mattino e non rientro prima delle 20.00 ed è impossibile parcheggiare in prossimità del mio portone in via Fratelli Bandiera questo perché non ci sono posti riservati ai residenti come mi capita di vedere in ogni città organizzata e moderna”, scrive al sindaco Mangialardi un cittadino.

“In due occasioni, esasperato dalla situazione, ho sostato in due zone non consentite (ma che ovviamente non creavano disagi (quei famosi parcheggi in prossimità della piazza duomo lateralmente) e puntualmente mi sono arrivate due sanzioni benché abbia lasciato il tagliandino residente esposto... Una possibilità maggiore di parcheggio potrebbe essere concreta se fosse possibile l'accesso nella ZTL nel proseguimento di via Fratelli Bandiera (dopo la Posta) anche per i residenti di tutta la via, ma questo non è possibile... In passato ricordo bene che alcuni parcheggi lato Portici erano riservati solo ai residenti, cosa che oggi è scomparsa in tutta la città!"

Il residente chiede al sindaco che possa essere trovata una soluzione che limiti la fuga di persone che abitano in centro storico. Il primo cittadino non nega che il numero dei posti sia diminuito in seguito ad alcuni lavori di riqualificazione della città. “Le numerose riqualificazioni urbane avviate nel centro storico -replica Mangialardi- hanno sicuramente sottratto posti destinati alle auto ma credo d'altra parte che siano sotto gli occhi di tutti i frutti di questa scelta voluta dall'amministrazione che ho l'onore di guidare e da quella precedente di cui ho fatto parte, in quanto ha aperto nuove e interessanti opportunità alla città, rendendola certamente più bella e attraente e restituendo numerose piazze riqualificate alla loro principale funzione sociale – e aggiunge- “Certamente la limitata disponibilità di parcheggi, per un residente del centro storico, che non ha parcheggi riservati ma ha la possibilità di parcheggiare negli spazi contrassegnati dalle strisce blu, è un punto a sfavore che credo però debba essere bilanciato con la facilità di accesso ai servizi e soprattutto con il fascino di abitare un centro storico cui negli ultimi anni sono stati restituiti pregio e bellezza.

Ovviamente siamo ben consapevoli della necessità di affrontare la limitata presenza di parcheggi nel centro storico della città, tant'è che abbiamo promosso in ogni modo la mobilità alternativa all'uso dell'auto, abbiamo individuato aree di parcheggio molto capienti, prossime al centro storico ma non ancora ben sfruttate (parcheggio zona ex Sacelit Italcementi, parcheggio Ponte Portone), abbiamo in passato anche condotto studi di fattibilità per la realizzazione di spazi di sosta in altre aree della città a corona del centro storico (parcheggi ai lati dell'ex Gil, via Spontini, stazione Fs), che però non hanno potuto vedere la loro realizzazione a causa della mancanza di risorse a disposizione, situazione che anche in questo momento rende difficile l'adozione di nuove soluzioni.

L'impossibilità di dare luogo alle soluzioni poc'anzi descritte non ci consente a tutt'oggi di proporre parcheggi destinati ai soli residenti, ma ovviamente continueremo a lavorare affinché sia facile raggiungere il centro storico senz'auto, lasciando così una maggior disponibilità ai residenti che hanno ovviamente esigenze differenti e comprensibili".


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 06-10-2016 alle 11:23 sul giornale del 07 ottobre 2016 - 3371 letture

In questo articolo si parla di cronaca, parcheggi, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aB1m


Quindi, secondo l'amministrazione, un residente in centro deve fare mezzo chilometro a piedi par andare a prendere la propria auto?

Ma anche fosse logico, cosa di cui è facile dubitare, cosa succede ad un disabile o a persone anziane?

Al più si possono limitare i parcheggi allo stretto indispensabile.

Singolare, dunque, anche alla luce di tali, legittime e giustifcate lamentele, la fregnaccia di piazza pio ix (pardon, garibaldi).

Copio ed incollo:
“Certamente la limitata disponibilità di parcheggi, per un residente del centro storico, che non ha parcheggi riservati ma ha la possibilità di parcheggiare negli spazi contrassegnati dalle strisce blu, è un punto a sfavore che credo però debba essere bilanciato con la facilità di accesso ai servizi e soprattutto con il fascino di abitare un centro storico cui negli ultimi anni sono stati restituiti pregio e bellezza.
Quando ad un cittadino del centro storico gli si risponde con il fascino del centro storico ad un problema reale mi sa che il Primo Cittadino abita sulla Luna.
Come si fa a proporre ad uno che abita in via F.lli Bandiera ad andare a parcheggiare all'ex Italcementi che quando piove è un lago? Sindaco, in tutte le città italiane, prima di chiudere i centri storici, i Suoi colleghi hanno a disposizione, servizi urbani efficienti, parcheggi alternativi in prossimità delle mura, sia sotterranei che fuori terra verticali. La scusa delle mancanze di risorse non regge più. Nella mobilità alternativa a livello europeo sono previsti fondi appositi per la costruzione di parcheggi fuori terra verticali. Manca la volontà politica per risolvere i problemi. Anche la stessa Piazza Garibaldi, lato via Testaferrata, per il periodo invernale, si potrebbero recuperare i parcheggi per i residenti. Con una visione più aperta e meno sognatrice, tutto si risolve.
Leonardo Maria Conti

Mi son dimenticato di aggiungere, che dal lontano 1945, anno in cui sono nato, in questo centro storico di tanta bellezza, i selciati di via F.lli Bandiera e via Pisacane, non sono mai stati rifatti. Agli inizi degli anni 60, quando hanno rifatto Corso 2 Giugno, hanno rifatto anche quella parte di via Portici Ercolani, che successivamente è stata affogata dal bitume.
Vorrei ricordare, che fa parte di quella via, anche il tratto tra via delle Caserme e Cavallotti, che non è stato trattato dai recenti lavori di asfaltatura. Se aspettano la costruzione degli alloggi degli orti del Vescovo, mi sa che diventano orti cardinalizi e poi papali. La stessa fine del tanto decantato Borgo delle Torri!

luigi alberto weiss

06 ottobre, 16:32
L'alluvionale (sic!) retorica del sindaco non è certo una risposta seria, ma suona piuttosto come una presa in giro e dimostra come negli ultimi 15-20 anni il centro cittadino sia stato saccheggiato a più non poso, senza pensare ad una progettazione capace di mettere insieme interesse privato e necessità pubbliche. Facesse un giro all'estero, in nord Europa (forse basterebbe Lorrach) e scoprirebbe interessanti soluzioni che si potrebbero applicare anche a Senigallia. Quanto alla mobilità alternativa, perchè non ci si decide a realizzare un trasporto pubblico urbano degno di questo nome?

Mia nuora abita nel centro e meglio se non scrivo le sue parole.
Hanno la macchina sua e del marito perché fanno due lavori diversi da diverse parti e portano i bambini piccoli. Finisce che uno paga per parcheggiare in centro. Ce li immagina signor Sindaco come sta comodo uscire dalla macchina con il passeggino e la spesa a centinaia di metri da casa perché non c'è posto e poi provi a pensare che succede se piove.
Ma metteteli questi accidenti di parcheggi per i residenti!!!!
E se ci sta qualcuno che vuole venire in giro in città per un gelato può pure parcheggiare dove volete voi.

Ennio rossi

06 ottobre, 23:22
Perché non destinare il campo di calcio a parcheggio pubblico. Parcheggio a multipiano per residenti e non? Si liberebbe molto caos che c'è nella città.

Desidero aggiungere, oltre la mancanza spazi di cui sopra, l'inciviltà di lasciare auto su spazi moto. E vedere strisce verniciate perché spazio preso con arredo di locali...
É tutto regolare??

luigi alberto weiss

07 ottobre, 09:01
Gentile Superbaz, il clientelismo a fini elettorali passa anche per lo spazio di un tavolino!

Condivido molti dei punti indicati da chi ha commentato prima di me.
Anche se immagino che il Sindaco nella sua risposta di utilizzare i parcheggi in giro si riferisse a chi viene in centro da fuori per fare i suoi giri e non a chi ci vive.
Resta il fatto che soprattutto nei fine settimana e quando ci sono eventi turistici importanti, chi abita in centro (non io) troverà sempre difficoltà a fermarsi se non nelle aree pedonali (in cui solo il residente ha accesso) o salvo per la possibile presenza di parcheggi riservati, che al momento non ci sono.

Per non parlare poi di quelle persone che come me provengono da fuori Senigallia. E' davvero un incubo! In due diverse situazioni di mattina, non sono riuscita a trovare uno straccio di parcheggio (anche a pagamento). Almeno chi è di Senigallia può usare la bicicletta, ma noi?? Beh...alla fine sono scappata dalla città e sono andata a fare acquisti al centro commerciale.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Stefano Fratini

07 ottobre, 13:26
Quindi la logica è: ti ho migliorato il centro, hai vicino i servizi, pazienza se devi girare mezz'ora (magari con borse della spesa, zaini, figli al seguito) per trovare un buco a centinaia di metri da casa.
Il Sindaco avrebbe dovuto immaginare che togliere oltre 300 posti auto senza pensare a delle alternative serie non fa altro che incrementare il flusso di automobili, poiché non è che togli i parcheggi le auto immediatamente si "Volatizzano".

Maria Soldani

07 ottobre, 13:47
Sono tendenzialmente favorevole all'adozione della bicicletta in centro storico,e durante la m ultima visita a Senigallia,del mese scorso,mi sono imbattuta spesso (non poco infastidita,lo confesso...),nell'atto di percorrere a piedi via Fratelli Bandiera o via Cavallotti, nell'importuno passaggio di un'auto al mio fianco, che mi ha sovente costretto a farmi da parte x darle spazio (a proposito: ma non si doveva invertire la percorrenza di v Cavallotti da Porta Mazzini a Ponte Garibaldi?O c'è stato qualche ripensamento,che ignoro?)... Insomma(se non si fosse capito)tifo decisamente X la bici,contro l'utilizzo esagerato delle 4 ruote!
Eppure,non mi sento di disapprovare la protesta dei residenti automuniti , allorché è in gioco la sicurezza di persone deboli o svantaggiate(come i già citati bambini,anziani,disabili,ecc...)o , nell' ipotesi migliore, di persone ,ad esempio,che hanno difficoltà fisiche minori ma cmq serie(esempio:nel portare pesi e copiose provviste X la spesa,o scaricare attrezzi o materiali pesanti...).Mi è bastato leggere,sempre su Viveresenigallia, il commento di Giano,datato 2 dicembre 2015, per rendermi conto di quante e quali difficoltà incontrano coloro che,ahime',non abitando proprio a due passi dalla propria residenza, devono letteralmente perdere tempo, salute, ed attingere una pazienza immensa dal proprio bagaglio emotivo,prima di conquistare l'agognato fazzoletto di parcheggio! Adottando,almeno in certe circostanze ed orari,misure più flessibili (ad esempio,cito X conoscenza di causa,l'inclusione dell'ala di via Testaferrata al parcheggio, se non altro serale/notturno...);aggiungendo l'area di Orti del Vescovo/Caserme,e sfruttando meglio aree già presenti,come piazzale Simoncelli (il cui asfalto,secondo me,andrebbe rifatto...),si andrebbe a risolvere,in parte,q carenza di parcheggio così indispensabile, sia X la residenza locale che per la sussistenza del commercio di prossimità.... Nigallia.

gasparino carbonaro

08 ottobre, 10:24
Facciamo l'esempio di via Carducci. La via in questione completamente vuota, senza auto e senza bivacchi " alias sale da pranzo in mezzo alla strada " è senz'altro bella, ma così concepita per fare un favore a commercianti e affini fa schifo. Farebbe altrettanto schifo se ci fossero parcheggi, ma almeno servirebbe ai cittadini. Non parliamo poi di piazza del duomo, già altra sala da pranzo in mezzo alla strada, che è stata utilizzata dai senigalliesi 365 giorni l'anno e adesso resa inutilizzata e inutilizzabile durante l'estate. L' amministazione vede solo ciò che fa comodo a pochi altro che interesse di tutti.




logoEV