Ciclisti cadono per colpa delle buche lungo l'Arceviese: provinciale troppo pericolosa

Ciclisti 03/10/2016 - Un cittadino segnala lo stato della Strada Provinciale Arceviese (SP360), piena di buche e periciolosa per i mezzi a due ruote tanto da chiedere provocatoriamente il divieto di transito per questi mezzi.

“Scrivo per fare una proposta al fine di evitare altri incidenti. La proposta è rivolta ai dirigenti della SP 360 Arceviese nel tratto che va dal bivio Jesi al bivio per  Barbara. Alcuni mesi fa, quando c'era un limite  di 60 km orari, con l'aggravarsi del fondo stradale,  un dirigente ha pensato bene di abbassare  il limite a 40.  Che ingegno!

Visto  l'accaduto  di sabato mattina, quando un gruppetto di ciclisti nell'evitare le tante  buche, è caduto ed un ragazzo, battendo violentemente la testa, è  stato soccorso dall'eliambulanza, propongo provocatoriamente, anche per evitare altre cadute con conseguenze più gravi, di  mettere il divieto di transito a tutti i mezzi a due ruote perché anche con uno scooter è  diventato impossibile percorrerla.”
 





Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2016 alle 11:21 sul giornale del 04 ottobre 2016 - 4621 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ciclisti, un lettore di Vs, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBRA


gigli puff

03 ottobre, 12:58
ste a casa chè mei

Vi accorgete ora che vengono abbassati i limiti perche' le strade non possono essere riparate? D'altronde se a causa dei continui tagli non ci sono i soldi per riparale (abbiamo un’evasione Fiscale stimata di oltre 180 miliardi di euro) cosa deve fare? Riparale di tasca propria? Piuttosto pensateci quando pagate in nero pensando di essere furbi a non farvi fare la ricevuta, comperate la merce contraffatta o non chiedete lo scontrino....

Come al solito, la colpa è sempre di qualcun altro.

Gli italiani possono fare quello che vogliono, la colpa non è mai loro.

Attribuire gli incidenti alle buche comporta la mancanza di responsabilità dei guidatori.

Prima di dare la colpa alla strada suggerisco di leggere l'art. 141 del cds:

"Art. 141. Velocità.
1. È obbligo del conducente regolare la velocità del veicolo in modo che, avuto riguardo alle caratteristiche, allo stato ed al carico del veicolo stesso, alle caratteristiche e alle CONDIZIONI della strada e del traffico e ad ogni altra circostanza di qualsiasi natura, sia evitato ogni pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose ed ogni altra causa di disordine per la circolazione."

Se tu te ne freghi della velocità, anche in un paese dove la gente fa finta che i cartelli stradali non esistano, buche non buche, sono affari tuoi.

p.s.:
Se ne cade UNO non vuol dire che la strada sia pericolosa, altrimenti altro che uno.

A rigor di logica.

Ah, dimenticavo, c'è gente che sul lungomare va a 100 con il limite a 30, poi non parlate di "buche" o "strade pericolose", dagli oggi, dagli domani, prima o poi ti tocca, leggi di probabilità.