Ostra Vetere: chiesti un anno e otto mesi all'appuntato che sparò al ladro in fuga

Carabinieri 29/09/2016 - Era rimasto ucciso da un proiettile che lo aveva raggiunto alla testa mentre scappava dopo aver compiuto un furto in una abitazione. Ora la Procura di Ancona ha chiesto un anno e otto mesi di reclusione per il Carabiniere che sparò quel colpo durante l'insequimento.

L'episodio risale al febbraio del 2015 quando Korab Xheta, 24enne albanese ma incensurato, fu colpito alla testa da un proiettile di rimbalzo durante la fuga. Mercoledì, in udienza, il pm Mariangela Ferneri ha chiesto la condanna per l'appuntamento che sparò quel colpo sostenendo l'accusa di omicidio colposo perchè il carabinieri non avrebbe dovuto sparare in direzione dell'auto in fuga con a bordo la vittima e altri due complici. Gli avvocati dell'appuntato invece, Marco e Alessandro Scaloni, sostengono che l'azione del loro assistita fu del tutto legittima. La sentenza è attesa per il prossimo 7 novembre.





Questo è un articolo pubblicato il 29-09-2016 alle 09:15 sul giornale del 30 settembre 2016 - 4691 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, ostra vetere, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBII


luigi alberto weiss

29 settembre, 10:42
Semplicemente allucinante!
Qualcuno però dovrà spiegare come avrebbe fatto lui (o lei) a bloccare i ladri in fuga, che a quanto pare non si sono affatto spaventati dall'arrivo dei carabinieri. Prima però dovrebbe dare un'occhiata, anche di sfuggita, a regolamenti e direttive che le forze dell'ordine debbono osservare in casi analoghi. Infine sarebbe utile anche conoscere il significato dei concetti di "garantire la sicurezza" e di "contrasto al crimine".

Fabio Baldoni

30 settembre, 08:42
INAUDITO. Colpevole per aver fatto il suo dovere, magari sarebbe stato punito se non avesse provato a fermarlo. leggere certe cose fà male troppo garantisti nei confronti dei delinquenti




logoEV