Accompagnava una ragazza 26enne a prostituirsi sulla statale adriatica, assolto

27/09/2016 - Nel 2015 A. S. un operaio calabrese di 57 anni che lavorava all'ampiamento dell'Autostrada Adriatica è stato fermato dai Carabinieri mentre accompagnava una ragazza rumena di 26 anni a prostituirsi sul tratto senigalliese della Statale Adriatica all'altezza de Ciarnin. L'episodio si è ripetuto a distanza di pochi giorni e per l'operaio sono scattate le manette.

L'accusa era quella di favoreggiamento della prostituzione. L'arresto è scattato in flagranza di reato.

Ad un anno dai fatti si è concluso il processo. Il pubblico ministero ha chiesto due anni. Il giudice però ha ritenuto affidabile la testimonianza della prostituta ed ha confermato la tesi dell'avvocato Corrado Canafoglia, difensore di A.S.

L'uomo infatti, secondo il racconto della ragazza, non era altro che un cliente che, prelevata la ragazza dalla strada la accompagnava all'appartamente dove veniva consumato un rapporto sessuale mercenario. Compiuto l'atto l'uomo riportava la ragazza in strada, in attesa del cliente successivo.

A. S. è stato assolto in quanto il fatto non sussiste.





Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2016 alle 20:28 sul giornale del 28 settembre 2016 - 1893 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBFv





logoEV