Anche un senigalliese intrappolato sulla funivia del Monte Bianco, il racconto di Cristiano Gastreghini

12/09/2016 - Se l'è vista brutta Cristiano Gastreghini, il senigalliese rimasto intrappolato per quasi diciannove ore in una cabina della funivia che attraversa il Monte Bianco.

L'uomo era partito da Senigallia, in moto con altri due amici. Intorno alle 15 è salito sulla telecabina che da Courmayeur porta fino a Chamonix sul versante francese del massiccio, quando si è verificato l'incidente. Fino alle 10 del mattino successivo, l'uomo, che ha una tabaccheria-edicola sul lungomare Marconi, è rimasto intrappolato all'interno della cabina, a 3.800 metri, senza acqua né cibo e con pochissimo spazio per muoversi.

Ma Gastreghini, che è stato il primo ad accorgersi del problema, non si è fatto prendere dal panico e racconta con serenità quanto vissuto: "Il guasto c'è stato, può succedere, ma tutto quello che doveva essere fatto è stato fatto". "Abbiamo dovuto passare la notte lassù perché è arrivata la nebbia, ma non abbiamo avuto problemi”, ha aggiunto. Il senigalliese è poi riuscito a tornare a valle con la stessa funivia che il mattino è stata rimessa in funzione dai tecnici.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 12-09-2016 alle 13:45 sul giornale del 13 settembre 2016 - 1770 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aA5M