Sanità, le oo.ss. Area Vasta 2 diffidano il direttore Bevilacqua per condotta antisindacale

maurizio bevilacqua 05/09/2016 - La redazione riceve e pubblica la lettera delle organizzazioni sindacali e Rsu di Area Vasta 2, che inviano diffida all'ing. Bevilacqua, direttore AV2, per condotta antisindacale.

Violazione della disciplina contrattuale ed omissione dei propri doveri nei confronti della Rappresentanza Sindacale Unitaria ed Organizzazioni Sindacali.

A difesa della dignità ed onorabilità del bene pubblico, di tutti i lavoratori, stanchi di osservare un’Azienda, con i propri Dirigenti Responsabili, adoperarsi per “spostare” taluni dipendenti da una unità operativa ad un’altra in maniera arbitraria, in deroga ad ogni regola stabilita in contrattazione circa la gestione del personale, la programmazione, la trasparenza e le pari opportunità.

L’apice raggiunto con un treno esagerato di personale Amministrativo assunto a tempo indeterminato (ben 20 unità) attingendo tanto dalla Graduatoria dell’A.S.U.R. Marche che da quella della Regione Marche, “collocato” – in A.S.U.R. Marche oppure in Regione Marche, dappertutto fuorché in Area Vasta 2 dove ci sono i C.U.P. Front Office in atavica sofferenza – a svolgere “funzioni prettamente regionali” ma a gravare sul Piano Occupazionale della sola Area Vasta 2, assegnato su posti che, di regola, dovevano invece essere messi obbligatoriamente a Bando di Mobilità Ordinaria a Domanda.

Un così cospicuo e gravoso dispendio di risorse economiche, a fronte di dichiarazioni pubbliche della Direzione di Area Vasta 2, di esubero di personale amministrativo, che si sarebbe dovuto gestire con una razionalizzazione oculata mentre invece, al contrario, la medesima procedeva all’incongrua assunzione di detto personale, uno spreco di risorse sottratte a garantire il prioritario personale deputato all’assistenza dei pazienti (infermieri ed operatori socio sanitari) denota una programmazione da parte dell’Area Vasta 2 inefficiente, inefficace ed inopportuna, anche perché la funzione primaria di una Azienda Sanitaria è proprio quella di fornire adeguate risposte ai bisogni di salute dei propri cittadini.

Le scriventi hanno pertanto deciso stavolta di presentare una diffida al Direttore dell’Area Vasta 2, Ing. Bevilacqua, lo scorso 2 agosto, accusandolo di integrare gli estremi della condotta antisindacale.

Ciò a proposito della violazione dell’Accordo quadro sulla Mobilità del personale dell’Area del Comparto dell’Area Vasta 2, sottoscritto in data 11 giugno 2015, nonché per il mancato rispetto dei termini dei Protocolli d’Intesa Programmatici regionali del 17/10/2011, del 17/02/2014 e del 27/07/2015.

Per il danno di immagine ed il discredito gettato sulle scriventi nei confronti dei propri assistiti.

Con la diffida, le scriventi avevano chiesto a Bevilacqua di corrispondere, in maniera convincente e completa, senza scappatoie o scuse, adempiendo entro il 20 agosto, e BEVILACQUA non ha né risposto, né corrisposto, niente di niente.

Tale condotta finisce con il minare anche il clima interno ed il benessere organizzativo dei servizi, ovvero la fiducia, il senso di appartenenza e l’aspetto motivazionale.

E’ quindi a difesa della qualità, dell’efficienza ed efficacia del servizio sanitario pubblico che le scriventi hanno deciso di fare questo importante passo, con estremo senso di responsabilità.

Pertanto, le scriventi, decorsi i termini senza effetti, senza ulteriore preavviso, come era stato preavvertito, provvederanno ad attivare ogni forma di intervento ritenuta più opportuna, ivi compresa quella di natura legale, al fine di procedere, appunto, per comportamento antisindacale.


Lettera firmata da CGIL CISL UIL NURSIND FIALS FSI CISAL.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-09-2016 alle 11:05 sul giornale del 06 settembre 2016 - 706 letture

In questo articolo si parla di attualità, rsu, lettera, diffida, Area vasta 2, organizzazioni sindacali, condotta antisindacale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aAPM





logoEV