Chiude con successo “Ventimilarighesottoimari in Giallo”, Mangialardi: “Evento di alto profilo culturale e di grande attrazione”

26/08/2016 - La quinta edizione di “Ventimilarighesottoimari in Giallo” appena conclusasi non solo conferma la vitalità di un genere letterario sempre più amato e capace di intercettare linguaggi e generi diversi - dal giallo storico al teatro civile, passando per il noir a fumetti fino alla grande letteratura – ma anche la bontà dell’intuizione avuta cinque anni fa dall’Amministrazione comunale nell’inserire all’interno del cartellone degli eventi estivi una proposta in grado di coniugare spessore culturale e popolarità.

Tanti, infatti, i cittadini e i turisti che hanno partecipato agli incontri con scrittori di calibro nazionale e internazionale, giunti a Senigallia per presentare le loro opere più recenti.

Notevole successo, in particolare, hanno riscosso la lectio magistralis del critico letterario Massimo Raffaeli su “Petrolio” di Pier Paolo Pasolini, l’appuntamento con la “Valigetta della Legalità”, quest’anno dedicato al tema della mafia, e le presentazioni dei libri di due grandi amici di Senigallia: Loriano Macchiavelli, con il suo romanzo “Noi che gridammo al vento” sulla strage di Portella della Ginestra, e Massimo Cirri, con il suo volume “Un’altra parte del mondo”, dedicato alla tragica storia di Aldo Togliatti.

Ma il momento clou è stato sicuramente l’incontro con Antonio Manzini, l'autore più letto in Italia in questa estate 2016, dalla cui penna è nata l’affascinante figura del vicequestore di Aosta Rocco Schiavone, alla quale è ispirata la serie tv di sei puntate che la Rai manderà in onda in autunno e che vedrà protagonista Marco Giallini (il Terribile di “Romanzo criminale”) nei panni di Schiavone e Isabella Ragonese, in quelli di sua moglie.

Ottima anche la partecipazione alla serata conclusiva di ieri sera alla Rotonda con lo scrittore, giornalista e autore televisivo Alessandro Robecchi e la sua trilogia di gialli con protagonista il detective per caso Carlo Monterossi.

“Il Festival del Giallo – commenta il sindaco Maurizio Mangialardi – si conferma un evento di alto profilo culturale e di grande attrazione, grazie a una formula che, valorizzando i luoghi più suggestivi del centro storico, offre al pubblico la possibilità di incontrare e conoscere i maggiori scrittori del momento insieme alle loro opere. Sicuramente un qualcosa di unico in ambito regionale, destinato a crescere ancora nell’immediato futuro e a catturare l’attenzione dei big della letteratura nazionale ed europea. Dunque, un grande ringraziamento a quanti hanno collaborato alla felice riuscita del progetto, e in particolare alla Fondazione Rosellini, che lo arricchito con le ormai tradizionali visite guidate gratuite alla Camera Gialla”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-08-2016 alle 17:56 sul giornale del 27 agosto 2016 - 549 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aAz3





logoEV