Notte di bagordi: devastata piazza della Libertà, auto danneggia motorini in centro

21/08/2016 - E' stata una notte di bagordi e di eccessi quella tra sabato e domenica. Diversi gliatti vandalici che si sono verificati in centro e sul lungomare.

In piazzale della Libertà (davanti alla Rotonda) l'aiuola con il datario di Senigallia è stata completamente distrutta. Le lettere che compongono la scritta del datario sono state danneggiate scomponendo le varie lettere per creare parele risibili. Ma non basta.

In centro, in viale Leopardi, intorno alle 23, nonostante il transito di numerosi pedoni e auto, una Renault ha colpito uno dei motorini in sosta negli appositi spazi in prossimità dei giardini Catalani. Con un effetto domino sono caduti a terra, restando danneggiati, circa dodici tra motini e scooter. La donna che era alla guida dell'auto si è fermata e sul posto sono intervenuti i Vigili Urbani per i rilievi.







Questo è un articolo pubblicato il 21-08-2016 alle 10:23 sul giornale del 22 agosto 2016 - 14632 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, atti vandalici, danneggiamenti, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aAn4


luigi alberto weiss

21 agosto, 10:53
Tutto questo (e forse altro) è accaduto liberamente, senza che qualcuno si opponesse a questi vandali? Ma dove sono finiti i "piani" di controllo dell'ordine pubblico, che a ogni inizio estate vengono annunciati con gran suono di trombe e tamburi, per rassicurare residenti e cittadini desiderosi di serate tranquille? Qulacuno ha fatto finta di non vedere?

matteo massacesi

21 agosto, 12:48
Credo che non sia il caso di pubblicare foto di quanto successo . In modo da non dare soddisfazione all'ego di tali persone e soprattutto per evitare un effetto imitazione. Purtroppo persone simili potrebbero prendere spunto per ulteriori danneggiamenti. Infine il termine bagordi non rende bene l'idea del danno arrecato sia economico sia di immagine a Senigallia per, bagordo a mio avviso lascia trasparire il tutto come un atto goliardico purtroppo di tale atto non si tratta.

Matteo, ho riflettuto a lungo sull'opportunità di pubblicare o meno le foto che un lettore molto gentilmente ci ha inviato.
Sono giunto alla conclusione che era giusto pubblicarle. Primo perché la censura, anche quando è auto-censura, non porta mai a qualcosa di buono, secondo perché la reazione che queste foto hanno suscitato, indignazione e condanna, è davvero molto forte; i vandali non saranno compiaciuti dal loro atto ma se ne staranno già pentendo e vivranno con la paura di essere identificati. Cosa che, ne sono convinto, accadrà molto presto.

Roberto Garbin

22 agosto, 07:11
Ma siamo sicuri che questa sia la estate che vogliamo a Senigallia? O é quello che vogliono solo alcuni commercianti del luogo? Perché non facciamo un bel referendum? Meditate gente, meditate....

Rodrigo Forlani

22 agosto, 09:31
Ma con tutte le telecamere che puntano sulla rotonda possibile non riuscire a identificarli?

Ormai sono 15 anni che la situazione sta peggiorando, anno dopo anno.

Grosso modo da quando il jamboree, il famoso "tanta libera tutti" delle amministrazioni (ovvero il teppismo come stile di vita) è diventato sinonimo di "movida".

In altre parole; arrangiatevi.




logoEV