Girolametti sul pannolini ricilabili nei nidi: "Nessuna sperimentazione, solo una scelta"

carlo girolametti 05/08/2016 - Il consigliere Paradisi pur di far parlare di sé si erge a paladino del niente. Il metodo dei pannolini sanificati è utilizzato da tempo in tanti paesi del mondo occidentale e non necessita di alcuna sperimentazione, è semplicemente una scelta.

E’ solo perché questo assessore e questa amministrazione sono particolarmente vicini e rispettosi della sensibilità dei genitori dei bimbi degli Asili Nido che verranno tenute nella massima considerazione le loro valutazioni. Ma tutto ciò i genitori lo sanno bene perché abbiamo avuto modo di confrontarci nelle riunioni fatte e altre ne faremo se necessario.

I genitori sono anche informati che a nessun bambino verrà rifiutata l’iscrizione, in base alla scelta del pannolino. Quindi il consigliere Paradisi vada a fare il paladino della legalità da qualche altra parte e non sarà certo in base alla sua opinione che decideremo quali pannolini usare negli Asili Nido di Senigallia. Ah dimenticavo, dopo la figura barbina fatta sulla complanare il buon senso avrebbe consigliato di passare oltre...


da Carlo Girolametti
assessore welfare e sanità Comune di Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2016 alle 22:32 sul giornale del 06 agosto 2016 - 697 letture

In questo articolo si parla di politica, Carlo Girolametti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/az16


luigi alberto weiss

06 agosto, 09:05
La intolleranza di questo signore è degna della compagine cui appartiene.

Tommaso Manoni

06 agosto, 11:47
Queste sono battaglie politiche a suon di articoli giornalistici.
Minimamente entrambe gli articoli sulla questione pannolini rispecchiano quello che è stata la realtà affrontata, l'articolo su questa questione dovrebbe essere scritto dal comitato dei genitori che si è occupato di questa cosa. E direi che la sensibilità dei genitori non è stata proprio tenuta in considerazione viste le bassezze e la maleducazione in sede di confronto, e nei metodi attuati per fare passare questo finto progetto di ecologia. purtroppo come al solito sotto una veste bonaria ed ecologica si nascondono sempre gli stessi interessi, sia da una parte che dall'altra.

Mi chiedo: possibile che l'unica iniziativa di un assessore al welfare e sanità, di cui infatti ignoravo l'esistenza tanto è invisibile e inutile, abbia come oggetto i pannolini? E l'offerta di posti agli asili nido comunali? E le rette esorbitanti? E le attese di ore al Pronto Soccorso? E la prevenzione e le sanzioni per i coma etilici del sabato sera? E il depuratore che pare vada in tilt ad ogni acquazzone a spese della dubbia balneabilità (e dunque della salute), come Goletta Verde ha certificato? E le centraline per il rilevamento delle polveri sottili che non si sa dove siano? I pannolini? Perché non proporre piuttosto un monitoraggio sulla salute dei cittadini, bambini in primis? Che so, incidenza nel tempo delle bronchiti, otiti, eritemi, malattie intestinali, polmoniti, tumori... sarebbe più importante per la prevenzione, no?