Il menù vegano arriva a settembre nelle mense scolastiche: serve però il via libera del pediatra

Mense scolastiche 01/08/2016 - Il menù vegano sta per debuttare nelle mense scolastiche. Con l'inizio del nuovo anno scolastico, i bambini vegani potranno scegliere un menù personalizzato. Un servizio aggiuntivo che non comporterà un aumento dei costi delle rette ma che avverrà sotto precise indicazioni dell'Asur.

La Giunta ha approvato la nuova delibera che dà via libera all'introduzione del menù vegano nelle mense scolastiche. Nel dettaglio, dal prossimo anno scolatico è previsto un menù vegano per "le famiglie che ne hanno fatto e ne faranno richiesta, tenendo conto delle indicazioni del SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) dell’ASUR Marche, della compatibilità con il sistema ordinario di produzione dei pasti e del nuovo capitolato d’appalto del servizio di refezione scolastica".

Gli uffici comunale predisporrano ora una "proposta di dietetico vegano" che sarà inviata al SIAN e per l'occasione sarà aggiornato anche il menù ordinario secondo le recenti indicazioni dello stesso Servizio, per la loro validazione. I genitori che fanno domanda di dieta vegana dovranno però presentare una attestazione del pediatra di famiglia che dichiari che "è a conoscenza del regime alimentare seguito dal bambino e che non sussistono controindicazioni di ordine sanitario". La Giunta tiene a precisare che "l’introduzione del menù vegano e l’aggiornamento di quello ordinario non comportano spese aggiuntive rispetto a quelle già previste in bilancio".





Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2016 alle 10:42 sul giornale del 02 agosto 2016 - 6382 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, mense scolastiche, articolo, vegano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azNQ


Commento modificato il 01 agosto 2016

La celiachia è una malattia, e c'è poco da fare.
Anche l'obesità (crescente) tende ad essere considerata una malattia, che però si può gestire con una corretta (leggi: completa) alimentazione ed attività fisica.

Quella della dieta vegana è una scelta che invece vedo imposta dai genitori per i propri figli, e seppure ammetto che cambiare ogni tanto il tipo di dieta non fa male e fa apprezzare anche cose diverse (questo è quello che capita a me, ed ho molto apprezzato la cucina vegana), quella che è stata una mia libera scelta non riesco a vederla positivamente se imposta ai bambini.
I vari dubbi che ho derivano dal fatto che, come è scritto anche qui, serve l'autorizzazione di un pediatra ma soprattutto occorre che un esperto dietologo riesca a "studiare" un menù che possa essere il più completo possibile per i bambini sostituendo quello che si vuole togliere.
Ora, a me non pare possa essere molto equilibrata una dieta così concepita, non per dei bambini in fase di crescita, non quando si legge in giro (spero in una smentita) della necessità di "integratori" alla dieta vegana per compensare le sostanze che si vanno a perdere.
Quale dieta può mai essere "buona" per un bambino quella che prevede degli integratori?
E' questo che mi lascia perplesso. Molto.

Mary C.

01 agosto, 15:41
Sono dell'idea che, per una giusta ed quilibrata crescita, un bambino abbia bisogno di una alimentazione che comprenda anche le proteine della carne, malgrado i legumi contengano proteine , queste non sono assimilate come una normale bistecca.
Il menù vegano negli asili è solo una forzatura dettata da genitori che non sanno di privare i propri figli di essenziali proprietà alimentari per lo sviluppo e la crescita.