Schianto sulla complanare, centauro 21enne perde un braccio. Riattaccato l'arto da maxi equipe

22/07/2016 - Si schianta in sella alla sua moto all'ingresso della complanare e perde un braccio. Un gravissimo incidente quello che si è verificato nella serata di giovedì, intorno alle 21, all'ingresso della complanare, in prossimità del casello autostradale.

Per cause che sono ancora al vaglio dei Carabinieri, un giovane di 21 anni, Michele Marinelli, in sella alla sua moto, improvvisamente ha sbandato ed è uscito di strada. Uno schianto tremento e un impatto terribile sull'assfalto. Raccapricciante la scena che si è presentata ai soccorritori. Il giovane infatti era a terra in un lago di sangue ma non aveva più un braccio, tranciato dall'impatto con il guard rail. L'arto è stato ritrovato dai soccorritori del 118 a diversi metri di distanza.

In ambulanza il centauro è stato trasportato all'ospedale di Torrette con una disperata corsa per cercare di salvargli il braccio e tentare un delicato intervento chirurgico. A Torrette è arrivata una equipe medica che ha riattaccato l'arto al giovane che resta ora in rianimazione. Solo nei prossimi giorni si potrà capire se l'operazione, riuscita da un punto di vista tecnico, consentirà al 21enne di recuperare anche la funzionalità del braccio. Intanto tutti fanno il tifo per Michele. Tantissimi i messaggi di auguri e di in bocca al lupo che in queste ore stanno affollando i social network.





Questo è un articolo pubblicato il 22-07-2016 alle 11:38 sul giornale del 23 luglio 2016 - 20518 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, incidente, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azut


Con tutto il dovuto rispetto per l'incidente.

In complanare il limite è 70 e, in alcuni punti, 50.

Non si esce di strada a quella velocità, a meno che non ci sia ghiaccio sulla strada.

E' esperienza quotidiana, anche sulla ss16, osservare diecine di scooter che sorpassano file di veicoli malgrado la presenza della riga continua.

Magari darsi una calmata andando su due ruote.

p.s.:
Come mai non ci sono i famosi titoli "strada assassina" riferendosi alla complanare? Forse non è "politically correct"?

Il commento all'articolo che leggo mi sembra piuttosto ridondante.




logoEV