Nuova Piazza Garibaldi: l'indignazione dell'Associazione Mazziniana di Senigallia

21/07/2016 - Nella Nuova Piazza Garibaldi, dedicata ad un uomo promotore un'Italia libera, democratica, laica e repubblicana, l'Amministrazione Comunale ha posto gli stemmi papali di Benedetto XIV e di Pio IX . Una scelta, che l'Associazione di Storia Contemporanea, l'Associazione Mazziniana Italiana di Senigallia, il Centro Cooperativo Mazziniano “Pensiero e Azione” e l’U.A.A.R. Senigallia, definiscono superficiale e provocatoria.

“Pur comprendendo la necessità di una ristrutturazione urbanistica della Piazza Garibaldi" – afferma Luciano di Marcelli, rappresentante dell’Associazione Mazziniana Italiana - "esprimo la viva indignazione per la scelta a dir poco superficiale di collocare i due stemmi papali nella rinnovata piazza dedicata a Giuseppe Garibaldi. Lo stemma di Pio IX installato su un suolo pubblico e da un'autorità pubblica, che è la rappresentanza dei valori Repubblicani, sta a dimostrare come il nostro Sindaco, pur appartenente ad un partito progressista, non abbia le idee molto chiare sui percorsi storici che hanno portato all'attuale forma di democrazia”.
"Pio IX per la storia è stato un monarca assoluto di uno stato teocratico chiuso alle spinte innovative e democratiche che nel 1848 hanno percorso la gran parte degli stati europei. Ragionando con lo stesso criterio si potrebbero apporre stemmi savoiardi o del fascismo in luoghi intitolati alla repubblica o alle vittime della resistenza."

Alessandro D'Alessandro, presidente del Centro Mazziniano di Senigallia, afferma “È stato usato spazio e denaro pubblico per valorizzare una piazza decorata in modo antistorico e tra l’altro realizzata senza prendere in considerazione la petizione con le firme di 1.000 senigalliesi contrari”.

Il Consigliere Comunale Mauro Pierfederici precisa inoltre che sono stati spesi 20.000 euro per ciascuno stemma e 12.000 euro per la cerimonia di inaugurazione, per un totale di circa 50.000 euro: denaro pubblico che potrebbe essere speso per cause più importanti come la sistemazione delle strade cittadine o per pulire i portici, vista l'iniziativa presa dai residenti della Filanda in questi gioni.

L'Associazione di Storia Contemporanea, l'Associazione Mazziniana Italiana di Senigallia, il Centro Cooperativo Mazziniano “Pensiero e Azione”, l’U.A.A.R. Senigallia organizzano in merito una protesta e invitano i cittadini a partecipare alle seguenti iniziative culturali organizzate per sottolineare che una cittadinanza moderna e (davvero) democratica si costruisce con il dialogo, il confronto e la critica, e non con atti di imperio.

Ecco le iniziative in programma:
- Concerto di canti popolari all'Auditorium S. Rocco - venerdì 22 Luglio 2016 - ore 21.30
- Lettera di un condannato a morte dal papa-re nell'Area Archeologica la Fenice - domenica 24 Luglio 2016 - ore 21.15
- Dialogo sulla democrazia presso il cippo a G. Simoncelli (Via Chiostergi 10) martedì 26 Luglio 2016 - ore 21.30.


di Gloria Bassotti
redazione@viveresenigallia.it




Questo è un articolo pubblicato il 21-07-2016 alle 14:10 sul giornale del 22 luglio 2016 - 2538 letture

In questo articolo si parla di attualità, centro cooperativo mazziniano, pio ix, garibaldi, amministrazione comunale, piazza garibaldi, UAAR Senigallia, associazione storia contemporanea, articolo, simboli, Gloria Bassotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azti


"....il nostro Sindaco, pur appartenente ad un partito progressista, non abbia le idee molto chiare sui percorsi storici che hanno portato all'attuale forma di democrazia”.

Molto ben scritto, con diplomazia e correttezza che il sindaco, francamente, non merita.

Sfortunatamente per conoscere i "percorsi storici" bisognerebbe leggere i libri, se non andare a scuola, cosa che, sembra, a Senigallia viene ritenuto superfluo.

Numerosi commenti hanno dimostrato una totale ignoranza da parte di sedicenti personaggi in fatto di storia risorgimentale.

Ma si sa, nessuno è più ignorante di chi nasce "imparato".

E nessuno è più "imparato" di chi pensa di saper tutto, per istinto, senza legger mai nulla.

p.s.:
Sul fatto che il pd sia progressista, osservando la riforma costituzionale in atto e le riforma negli ultimi due anni, ho seri dubbi, oserei dire, anzi, che lo spirito che ammanta le azioni del governo è prettamente reazionario.

gino serretti

22 luglio, 08:33
L'Associazione Mazziniana di Senigallia, si accorge ora che ci sono due stemmi papali nella piazza Garibaldi???? Ma se il progetto è stato pubblicato ed approvato anni fa, se ci sono state "feroci" discussioni a proposito per mesi e mesi su tutti i giornali, ora protesta !!!!! Mi sà tanto che la protesta è solo per apparenza !!
Saluti

Maria Soldani

23 luglio, 21:04
Premesso che i cittadini di Senigallia hanno il diritto civico di disapprovare il risultato finale dei lavori in piazza Garibaldi ,e purtuttavia non trovandomi in linea con il pensiero mazziniano che sta alla radice della protesta, posso al contrario trovarmi d'accordo sul versante dell'ingente esborso di denaro pubblico,avvenuto senza includere lavori assai impellenti(ad es. il restyling dei portici, giustamente chiamato in causa dal Consigliere Pierfederici), per tacere della sistemazione delle strade parallele alla piazza stessa....Si può, in definitiva ,essere favorevoli o contrari all'aggiunta degli stemmi (che a me,sinceramente ,ispirano soltanto un sentimento di equanime indifferenza, valutandoli x ciò che sono :stemmi araldici di una casata ecclesiastica,senza pretesa di vedermi agitare, nella mente ,suggestioni storiche benevole o malevole che siano...); ma non si può transigere sul piano della manutenzione,decenza e sicurezza della città ,che è bene di tutti i Senigalliesi,anche di quelli che hanno opinioni diverse da quelle professate dalle Associazioni promotrici della suddetta protesta....
{P.S : confesso che un certo disappunto e disgusto lo proverei, semmai,nel vedere inciso lo Stemma dei Borgia(Famiglia "papale" che chiamare perversa sarebbe soltanto eufemistico) sui pavimenti di Senigallia...Ma non metterei mai la reazione sul piano ideologico,bensi' soltanto su quello spirituale ed umano...}
Nigallia.