Nuova piazza Garibaldi, il ringraziamento del sindaco Mangialardi alle maestranze

19/07/2016 - A pochi giorni dalla cerimonia inaugurale della nuova piazza Garibaldi, il sindaco Maurizio Mangialardi ha voluto ringraziare le maestranze che in questi mesi sono state le concrete artefici della riqualificazione avviata dall’Amministrazione comunale.

 “Senza alcuna retorica – ha detto il sindaco Mangialardi – voglio pubblicamente ringraziare tutte le maestranze che hanno portato a termine la riqualificazione di piazza Garibaldi: quanti sono intervenuti sul sistema fognario e sulle condutture dell’acquedotto, gli elettricisti che hanno permesso di installare l’illuminazione nella piazza, i marmisti e, in particolare, i posatori. Credo che oggi, di fronte a questo bellissimo spazio urbano che rivoluziona la fisionomia della città, Senigallia nutra nei confronti di ciascuno di loro un debito di riconoscenza.

Va da sé, infatti, che risultati così importanti e di pregio non posso essere ottenuti senza l’impegno di persone profondamente innamorate della propria professione. Ed è proprio questo amore, questa dedizione, che ho potuto ammirare durante il progressivo avanzamento dei lavori della piazza. Nel lavoro quotidiano di questi uomini, spesso portato avanti anche in condizioni climatiche difficili, nei loro sguardi attenti, nei loro sorrisi felici, ho potuto osservare con grande ammirazione l’abnegazione, la passione e la professionalità con cui si sono dedicati a questa opera. Ma soprattutto, con orgoglio, ho potuto vedere il loro sentirsi coinvolti da un progetto destinato a lasciare il segno negli anni a venire. A ciascuno di loro va il sincero e sentito dell’Amministrazione comunale e della città tutta”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2016 alle 19:48 sul giornale del 20 luglio 2016 - 2630 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azol


Che siano maestranze professionalmente preparate non c'è alcun dubbio. Quello che mi è difficile comprendere, perchè non si è provveduto a riparare il restante selciato, davanti all'ex Stabilimento Pio e lungo la via dove si trova l'Auditorium San Rocco. Un selciato pieno di buche, avvallamenti che contrasta con la parte lato Duomo. La stessa situazione la si può trovare su piazza Saffi, dove attorno all'aiuola che da sulla Pascoli, si è lasciato il selciato ante operam.

Maria Soldani

20 luglio, 11:08
Leotex ha ragione...Oltre a ricostruire ex novo la piazza, si dovrebbero anche ripianare e rendere sicure anche le strade circostanti,in primis via Testaferrata, dove , se ho capito bene, verrebbe introdotto un parziale senso di marcia veicolare,al posto di via Cavallotti.... Insomma,se si vogliono fare le cose x bene,non bisogna trascurare la sicurezza del transito di macchine e pedoni... Ciò,al di là se l'opera che verrà inaugurata tra pochi giorni dovesse piacere o far storcere il naso ai detrattori degli stemmi....Una cosa è certa:chi ha dedicato la piazza all'insigne generale Garibaldi ,sapeva benissimo che esistevano in loco vari edifici ,legati all'utilizzo diciamo "curiale",e il Duomo era già lì,in bella mostra,e a quanto mi risulta (X averlo letto non ricordo in quale opuscolo o sito web),i notabili dell' epoca, presumibilmente di pura fede mazziniana,vollero comunque intitolare la piazza all'illustre Eroe;anzi,secondo me, lo fecero proprio x creare un "contraltare" laico/ateo a quegli edifici religiosi,già presenti ;
quindi,nel presente,coloro che propugnano gli stessi ideali repubblicani(onore alla coerenza,ad ognuno le proprie convinzioni ideoloche e politiche), non dovrebbero lamentarsi troppo X un' incongruenza creata apposta dai predecessori del Sindaco Mangialardi...Del resto,l'area incriminata, e' quella centrale ,speculare alla facciata del Duomo,e non ha invaso le due ali laterali della piazza...Mi rivolgo ai promotori della petizione anti/stemmi: perche' invece non fate una petizione X rimettere a nuovo piazza Simoncelli,con finale apposizione di un monumento o altro che ricordi il martire del Regno papale di allora?(So bene che nei pressi della Scuola Pascoli c'è già un monumento , eretto là dove sarebbe stato ucciso,ma quale migliore sito di una piazza a lui intitolata?) In tal modo,nessuna incongruenza ideologica:anzi,perfetta coesione/identificazione tra piazza e nome della stessa...Nigallia.