Sicurezza in spiaggia: sul lungomare di Ponente una nuova postazione DAE (defibrillatore automatico)

13/07/2016 - Prosegue il progetto per un’area cardio-protetta sul litorale senigalliese. Dal 21 giugno 2016 infatti il lungomare di Ponente ha una nuova postazione DAE (defibrillatore automatico di ultimissima generazione).

Grazie alla sponsorizzazione di una azienda privata (Aquario’s Bibite) i concessionari dello stabilimento balneare Tommi 38, sul lungomare Mameli all’altezza del civico 37, già in possesso dell’attestato di abilitazione all’uso del DAE (defibrillatore) e ad eseguire il CPR (cardiopulmonary resuscitation), hanno potuto posizionare presso la propria struttura un defibrillatore.

Una strumentazione importante per la sicurezza di cittadini e turisti non solo clienti della nostra struttura - osserva Valter Morganti, gestore dello stabilimento balneare Tommi 38- ma anche degli hotel e delle strutture a noi vicine”. “Non dimentichiamo- evidenzia- che, in caso di infarto, è importante intervenire entro i primi 4 minuti”.

A tal proposito, i bagnini del Consorzio Senigallia Spiagge che, insieme a Valter Morganti, per il futuro “sperano di poter installare una postazione Dae, ogni 4 minuti di distanza, lungo tutto il litorale senigalliese”, hanno svolto corsi di formazione con il personale dell’Unità operativa di Emergenza Territoriale 118 di Ancona per capire bene come muoversi.

In caso di necessità, sul litorale, intervengono un’ambulanza dall’ospedale e l’eliambulanza dall’ospedale regionale di Torrette ma- spiega Paolo Pierpaoli del Consorzio Senigallia Spiagge- noi siamo già in spiaggia, siamo i primi ad intervenire quindi è fondamentale sapere come intervenire e muoverci in attesa del loro arrivo”.

Tutto volto ovviamente a garantire la massima sicurezza ai bagnanti. Tanto che il Dae non è l’unica strumentazione della quale lo stabilimento balneare Tommi 38 si è dotato. Da 3 anni i concessionari del bagno sul lungomare Mameli hanno attivo l’SRS, uno scafo elettrico anche telecomandato dedicato al salvataggio, che interviene qualora il bagnino fosse impossibilitato ad intervenire, ed hanno avviato una collaborazione con la C.R.I. per la gestione di una seggiola Job per persone con problemi di deambulazione.

Si tratta di una sedia da spiaggia che permette alle persone con problemi di deambulazione di raggiungere la spiaggia ed il mare- conclude Morganti - questo perché vogliamo garantire a tutti i cittadini e turisti la massima accoglienza a Senigallia e sicurezza”.

Tutti gli operatori turistico-balneari sono stati avvisati di questa strumentazione così- aggiunge Pierpaoli- in base alle esigenze viene spostata da uno stabilimento all’altro”.

Soddisfatta e contenta anche la Croce Rossa Senigallia che, sperando che il progetto di area cardio-protetta si possa estendere e possa coinvolgere tutti gli stabilimenti balneari, è pronta ad avviare altre collaborazioni future e ad aiutare gli operatori per dotarsi di altre seggiole Job. “Rientra- conferma il presidente della Cri Senigallia Marco Mazzanti- nel nostro impegno verso chi ha esigenze particolari. Non possiamo che plaudire ed approvare iniziative volte alla sicurezza di tutti”.







Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2016 alle 22:30 sul giornale del 14 luglio 2016 - 1143 letture

In questo articolo si parla di attualità, sicurezza, lungomare mameli, senigallia, Sudani Alice Scarpini, defibrillatore, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azcA





logoEV