Complanare: lunedì il collaudo, poi l'apertura

03/07/2016 - Slitta di qualche giorno l'apertura al transito della nuova complanare. Lunedì 4 luglio, data inizialmente prevista per l'inaugurazione della nuova bretella che finalmente completerà il tracciato di scorrimento veloce nord-sud della città, in città arriveranno i tecnici di Società Autostrade per l'ultimo sopralluogo e il collaudo tecnico.

Subito dopo via libera all'apertura della bretella che va dal casello autostradale fino al Ciarnin.

“Lunedì prossimo arriveranno gli incaricati da Società Autostrade per le ultime verifiche e il collaudo finale -annuncia il sindaco Maurizio Mangialardi- ormai ci siamo. Tra qualche giorno il nuovo tracciato, tanto atteso, sarà aperto al transito completando così quella rivoluzione viaria che attendevamo da anni. Fino ad oggi, con la sola apertura della prima bretella nord, quella che va dal casello autostradale fino a strada della Marina, non siamo in grado di capire l'effettiva portata di questa novità. Il tracciato aperto è già molto utilizzato ma solo con l'apertura della complanare sud il risultato sarà definitivo. Da quel momento potremmo vedere gli effetti dell'alleggerimento del traffico dalla statale, l'alleggerimento dei cariche provocati dal passaggio dei mezzi pesanti a borgo Molino, in viale IV Novembre e anche in viale Leopardi”. Con l'apertura della complanare sud infatti il Comune emanerà anche nuove ordinanze che modificano la viabilità urbana.

“Le modifiche che apporteremo alla viabilità puntano ad alleggerire il traffico nella frazione di Cesano grazie all'introduzione di una deviazione obbligatoria per i mezzi pesanti sulla complanare -spiega il primo cittadino- e rivedremo anche il traffico lungo via Mattei e sullo stradone Misa con l'interdizione dei mezzi pesanti dal passaggio all'interno della città. In questo modo molte delle strade oggi appesantite dal traffico saranno più sgombere e diventeranno interquartierali”.

Il tracciato della complanare sud è lungo quattro chilometri, sfrutta in parte il vecchio tracciato autostradale antecedente l'ampliamento delle terza corsia, ed è costato circa 12 milioni di euro con la realizzazione di barriere antirumore, un viadotto, una galleria e raccordi alla viabilità ordinaria. Dalla prossima settimana, con il completamento della complanare, si potrà quindi attraversare nord-sud la città, bypassando la statale e agganciandosi alla complanare già aperta, in appena 8 minuti. Per festeggiare l'apertura della complanare sud il Comune sta pensando all'organizzazione di una biciclettata collettiva attraverso il nuovo tracciato.







Questo è un articolo pubblicato il 03-07-2016 alle 16:25 sul giornale del 04 luglio 2016 - 6688 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, complanare, senigallia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayKo


gek Utente Vip

04 luglio, 07:39
Per la viabilità cittadina manca solo una cosa... la pista ciclabile sul lungomare nord

Manca anche il collegamento tra la rotatoria di via capanna e l'ex casello, per questo bisogna ringraziare il comitato che si formò al vial dei pini e che si oppose a questo bypass. Adesso tocchera' costruirlo coi soldi dei senigalliesi;se questo comitato, incapace di vedere oltre il proprio naso, non si fosse messo di traverso ora l'opera sarebbe conclusa (tutta a spese di società autostrade).

@ceppo Stra-quoto. Manca solo-soprattutto quello. Maledetto comitato !!

In vari run fatti tra l'incrocio al cesano e la rotatoria dopo il ciarnin il tempo di percorrenza, al di fuori delle ore di punta, sulla statale, rispettando i limiti, non sorpassando mai, 4 semafori, è tra i 12 e i 15 minuti.

Che, a regime, ci si metta 8 minuti è tutto da dimostrare. Vorrei vedere cosa succede se tutti i tir passeranno sulla complanare.

Tra i due incroci sulla statale, ci sono, in linea d'aria, 7.4 chilometri, a cui si aggiungono, ovviamente, le varie curve e i vari raccordi, sfiorando i 9 chilometri.

La differenza, in termini temporali, si aggirerà in un paio di minuti (rispettando il codice).

Va da se che i mezzi pesanti fuori dalle scatole faranno la differenza.

Terrei a precisare, comunque, che le strade di immissione dalla ss16 alla complanare, al cesano, sono pessime.

Vedremo....

p.s.:
X Ceppo,
dato che quella strada la usano solo i Senigalliesi chi dovrebbe pagarla?

Sono comunque soldi pubblici, autostrade o non autostrade (soldi messi a disposizione dal cipe, delle tasse degli italiani, non dei marziani).

Voglio proprio vedere se farete veramente rispettare il divieto di transito h24, ai mezzi pesanti lungo la statale e in città...