Paradisi: ecco a cosa serve la tassa sui rifiuti

01/07/2016 - Personalmente pago oltre 700 euro di Tari. Una bazza. Una tassa che sta strozzando la cittadinanza. Mi si dice: si paga un servizio.

Eccolo qua il servizio (la fotografia riguarda la mia residenza, ma in questi giorni ho ricevuto decine di segnalazioni di cittadini o amministratori di condomini che mi segnalano le stesse problematiche). Proprio nei giorni in cui il cittadino si deve recare alle poste per pagare a peso d’oro i propri rifiuti, ci riservano la gentilezza di lasciarci quel peso (poco oro e molto olezzo) sull’uscio di casa. Ed è così da oltre venti giorni. Le immagini parlano da sole. I conti che siamo costretti a pagare per questo servizio anche.

Affinchè la burocrazia non sia un nome di facciata, pubblico i nomi dei responsabili del servizio: ATA (ex Cir33): direttore dott.ssa Elisabetta Cecchini; RIECO Spa: presidente dott. Alberto Berardocco, direttore tecnico Dott. Angelo Di Campli, referente di zona Daniele Conti. Responsabile dell’appalto per il Comune ing. Sara Giorgetti. Con tutta la simpatia e il rispetto personale che ho per il nostro sindaco, sarò costretto la prossima settimana – se il servizio non verrà ripristinato – a personalmente recapitare in sala Giunta una “rappresentanza” degli “ospiti” olezzosi lasciatimi nell’uscio di casa con l’indicazione tra i mittenti di tutti i responsabili del (dis)servizio.


da Roberto Paradisi
Consigliere Comunale Unione Civica






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-07-2016 alle 15:54 sul giornale del 02 luglio 2016 - 1631 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, attualità, Unione Civica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayJ9