Bello: "Elezioni, cronaca di una vittoria annunciata"

Massimo Bello 20/06/2016 - Senz'altro un giorno storico il 19 giugno 2016. Un giorno da non dimenticare perchè la 'democrazia del popolo, la democrazia per il popolo, la democrazia dal popolo' sono riuscite letteralmente a strappare e liberare città importanti dalle mani del PD di Renzi. Roma e Torino, giusto per iniziare, sono da ieri Giunte a 5 Stelle, come altri Comuni d'Italia, le cui comunità hanno scelto di essere amministrate dal Movimento con 'governi monocolore'.

Senz'altro un trionfo, non inaspettato, ma un trionfo! Siamo ad una svolta importante: i partiti, il multipartitismo - spesso ancora consociativo - si sta frantumando per lasciare il posto lentamente ad un sistema 'maggioritario', in cui le regole - di fatto - premiano l'azione dei 5 Stelle. Un'ondata di novità, di freschezza, di cambio della guardia, che lasciano senza parole i partiti tradizionali, così come noi li conosciamo. Renzi ed il PD sono distrutti e ne escono sconfitti duramente da questa competizione elettorale.

Ciò che è stata 'battuta' non è altro che l'arroganza di un 'piccolo reuccio', che pensava di essere il padrone assoluto dell'Italia e, invece, il popolo gli ha detto di NO. Da oggi il panorama politico non è più lo stesso: Roma e Torino non sono due Comuni qualsiasi; sono due Comuni importanti e Roma è la capitale d'Italia. In quasi tutte le Regioni italiane (comprese le Marche con Castelfidardo e Fossombrone), i 5 Stelle ottengono un risultato positivo, mentre i partiti escono 'cadaveri'. Ora, si tratterebbe di analizzarne le cause, ma questo spazio non me lo permetterebbe. Ci saranno altre occasioni per valutare bene cosa sia accaduto, ma è chiaro il messaggio del popolo.

La protesta degli italiani si è fatta sentire e la sua eco è giunta perfino nella capitale. Adesso la protesta sia capace di diventare proposta; la rabbia sia pronta a diventare coraggio; i buoni propositi siano in grado di realizzare gli obiettivi. 'Governare' non è sinonimo di 'protestare', ma forza delle idee che diventano realtà. In bocca al lupo e buon lavoro ai nuovi Sindaci e, soprattutto, a quelli del Movimento 5 Stelle.


da Massimo Bello
ex sindaco di Ostra Vetere




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2016 alle 21:33 sul giornale del 21 giugno 2016 - 1524 letture

In questo articolo si parla di ostra vetere, massimo bello, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aylP


Sembra quasi che Massimo Bello non sia mai stato iscritto ad un partito e faccia parte del Movimento 5 Stelle...
Dalle mie parti si chiama "Saltare sul carro del vincitore".

luigi alberto weiss

21 giugno, 16:22
A lavorare finalmente no, eh!?! La cosa peggiore però è dimenticare le proprie origini ed identità politiche, contando che le abbiano dimenticate anche chi legge...

Negli U.S.A. li chiamano bandwagoners, "tifosi" sportivi che seguono la squadra più popolare.
In sua difesa, risponderebbe che il suo è un apprezzamento generale, che stava giudicando la situazione con onestà intellettuale, non c'è niente di male ad evidenziare una verità ecc...
Forse sta tentando di cambiare, questo privilegio del dubbio me lo voglio (e glielo voglio) lasciare.

Voler apparire a tutti i costi, che tristezza.