Frecciabianca ti porta a Senigallia, l’Hotel ti regala il viaggio: al via la nuova iniziativa turistica

17/06/2016 - Senigallia sempre più città sostenibile e capitale del turismo regionale. Grazie all’accordo tra Trenitalia e Confesercenti Marche, in collaborazione con Assoturismo, ‘Frecciabianca ti porta a Senigallia, l’Hotel ti regala il viaggio’.

Infatti, nonostante Frecciabianca prevede solo fermate in province e capoluoghi di regione, ora, con il progetto sinergico avviato la scorsa settimana, nel fine settimana farà fermate straordinarie a Senigallia. Non solo. I turisti che decideranno di trascorrere le proprie vacanze estive negli hotel convenzionati, raggiungendo la Spiaggia di Velluto con il treno, potranno usufruire di vantaggi e rimborsi.

Non potevamo accettare che una città turistica come Senigallia, prima per numeri a livello regionale, non avesse una fermata Frecciabianca- osserva Claudio Albonetti, presidente di Confesercenti Marche- così abbiamo portato avanti questo progetto con Trenitalia, in collaborazione con Assoturismo, e ovviamente in linea con l’Amministrazione, che non solo è importante per Senigallia ma anche per tutto il comprensorio e le città limitrofe”.

Concordi il sindaco di Ostra Andrea Storoni ed il presidente del G.T.M.- Gruppo Turistico Marottese Moreno Ragnetti: “Il turista che raggiunge Senigallia, nel corso della propria villeggiatura, si spostano e visitano anche le città limitrofe o dell’entroterra quindi- confermano- non possiamo che essere soddisfatti e promotori del progetto”.

Un progetto quindi che punta ad incentivare un turismo estivo sostenibile, capace di sfruttare al meglio le potenzialità del vettore ferroviario. “Quest’anno abbiamo le migliori condizioni di sempre per quanto riguarda la viabilità- conclude l’assessore alla città sostenibile Gennaro Campanile- parcheggi scambiatori, bus navette in occasione dei grandi eventi, dal 4 luglio l’apertura del nuovo tratto di Complanare che permetterà di deviare il traffico di passaggio ed ora, grazie a questo accordo che mette insieme chi è capace di muovere le persone con qualità (Trenitalia) e chi sa accoglierle e farle stare bene (Senigallia e le sue strutture ricettive) abbiamo l’occasione per ridurre, ancora di più, le criticità e di rafforzare il nostro trend di città sostenibile”.

Pertanto, grazie all’accordo Confesercenti-Trenitalia, dal 12 giugno al 18 settembre, due Frecciabianca fermeranno a Senigallia il venerdì, il sabato e la domenica: il Frecciabianca 35711 in partenza dalla città della Madonnina alle 11:35 fermerà a Senigallia alle 15:10 mentre il Frecciabianca 35726 ripartirà da Senigallia alle 17:40 per arrivare a Milano alle 21:25.

Le famiglie, i giovani e le coppie che sceglieranno di soggiornare a Senigallia, raggiungendola in treno, potranno risparmiare sui costi di viaggio: chi soggiornerà almeno una settimana in uno dei 30 alberghi convenzionati, inseriti nel sito di Trenitalia e di Confesercenti, riceveranno direttamente dall’albergatore il rimborso del ticket ferroviario di sola andata. Chi soggiornerà due settimane avrà invece il rimborso dei biglietti di andata e di ritorno. Nel primo caso è previsto un massimo di 50 euro a persona che sale; nel secondo, un massimo di 100 euro. Infine un rimborso del 30% del prezzo del biglietto di andata verrà concesso a chi decide di trascorrere un week-end (almeno 2 notti nei fine settimana) e presenterà al gestore della struttura ospitante il biglietto ferroviario utilizzato per l’arrivo.

Inoltre i turisti e pendolari avranno a disposizione un booking center che ridurrà i tempi di attesa e faciliterà le operazioni di prenotazione: call center al numero 071 64283 dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18; sul web alla mail giulia.confesercentisenigallia@gmail.com

La promozione è valida per Frecciabianca e Intercity con partenza o arrivo nella stazione di Senigallia: ticket di viaggio acquistabili in tutte le biglietterie, self-service, agenzie di viaggio, ma anche sul web o telefonando al call center 892021.

Il sindaco Maurizio Mangialardi, assente per motivi istituzionali alla presentazione del progetto, tiene a ringraziare Trenitalia e Confesercenti. “Hanno studiato un progetto che agevola, facilita e invoglia il turista senza nessun onere per le strutture alberghiere, che potranno offrire così un nuovo servizio- dichiara- I pacchetti e le modalità di rimborso rendono l'offerta variegata ed adatta ad ogni esigenza".

L'obiettivo- sottolineano il primo cittadino, l’assessore ed il presidente Confesercenti, che sperano di poter estendere l’accordo ad altri periodi dell’anno - è ovviamente quello di intercettare una nuova fetta di potenziale pubblico, invogliando chi viaggia in treno a venire alla scoperta della nostra città”.







Questo è un articolo pubblicato il 17-06-2016 alle 14:56 sul giornale del 18 giugno 2016 - 3658 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, turismo, marotta, confesercenti, senigallia, trenitalia, assoturismo, Sudani Alice Scarpini, frecciabianca, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayfw


A prposito di treni. Potrebbe essere una buonaa idea creare una Freccia dal nome Urbe-Gallica a cadenza giornaliera per il mese di agosto, tra Roma e Senigallia? Siamo o non siamo la prima località turistica delle Marche? Il percorso potrebbe essere dell'alta velocità tra Roma Tiburtina, Firenze Rifredi, Bologna Av, Rimini e Senigallia. Poi il convoglio proseguirebbe per Ancona per essere ripulito e ripartire in serata in senso inverso.
Leonardo Maria Conti

Giorgio Panaroni - utente vip

18 giugno, 08:35
L'idea di Leotex non pare male. Magari si realizza in concomitanza alla riattivazione della Fano-Urbino. Auguri...

Sono diversi anni che a Senigallia d' estate fermano i Freccia Bianca nei week end grazie all' accordo tra le associazioni turistiche, commerciali e Trenitalia.
A Fano, invece, esistono solo associazioni che riscuotono le deleghe.

@Giorgio. Il vero problema, nella mancanza di riapertura della linea, a parte il costo del viadotto iniziale, è che Fano diventerebbe stazione di diramazione, perciò molto più importante di quella pesarese, e la stessa, perderebbe il diritto di fermata dei Frecciarossa.
Questo è il classico esempio di una mentalità retrograda, dove la Metaurense oltre a portare sviluppo all'interno, sarebbe di supporto per il traffico merci della Fano-Grosseto e doterebbe di un mezzo popolare per la visita dei tanti tesori culturali della città urbinate.
Leonardo Maria Conti

luigi alberto weiss

18 giugno, 10:58
Alta velocità su una linea con armamento ordinario da Rimini in poi verso sud? La riattivazione della Fano-Urbino in gran parte "massacrata" dopo la chiusura ? Invece perchè non spingere seriamente affinchè la Roma-Orte-Jesi-Ancona venga davvero modernizzata e fatta funzionare a dovere?

@Weiss Dal mio punto di vista l'Orte Falconara avendo un tracciato altimetrico molto tortuoso, avrebbe bisogno di tante varianti di tracciato. La prova ne è la costruzione di una galleria lunga 24 chilometri tra Fabriano e Foligno. Ho presentato a suo tempo una specie di quadrilatero ferroviaria in cui da Fabriano si dovrebbe costruire un tracciato lungo la ss 318 arrivare a Ponte San Giovanni e da qui con la ferrovia centrale umbra fino a Terni. A parte i costi in rilevato che sono minori rispetto ai tunnel, si servirebbero città come Assisi, Perugia etc. La Fano-Urbino, ripristinata, con un collegamento tra Fossombrone-Pergola-Fabriano, avrebbe un grosso traffico sia merci che viaggiatori.
Leonardo Maria Conti




logoEV