Corinaldo: prese a martellate il nonne, torna in carcere Mattia Morganti per omicidio volontario

17/06/2016 - Aveva preso a martellate il nonno riducendolo in fin di vita. Una lenta agonia che ha portato l'anziano, Giuseppe Manoni, alla morte nel maggio scorso.

E' tornato in carcere con l'accusa di omicidio volontario e aggravato Mattia Morganti, il 31enne di Corinaldo che nell'ottobre scorso aveva preso a martellate il nonno Giuseppe Manoni, poi deceduto il 26 maggio scorso.

I Carabinieri di Corinaldo hanno così dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Ancona. Il provvedimento nei confronti del 30enne, che si trova in una struttura a Montegrimano, è stato emesso sulla base della riformulazione del capo di imputazione, passato da tentato omicidio a omicidio. Morganti è stato così rinchiuso nel carcere di Villa Fastiggi.





Questo è un articolo pubblicato il 17-06-2016 alle 16:24 sul giornale del 18 giugno 2016 - 2575 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, corinaldo, arresto, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayfL





logoEV