Cos'è la leva finanziaria e come funziona nel trading

15/06/2016 - Il trading online è una forma di investimento sempre più diffusa in Italia e nel mondo, grazie al fatto che è accessibile a qualsiasi tipo di investitore, anche se molti non conoscono a pieno gli strumenti utilizzabili. Un concetto base e fondamentale sui cui si basa questa professione, è la leva finanziaria, su cui andremo a evidenziare le caratteristiche, insieme ai vantaggi e gli svantaggi.

Come vedremo tra poco, la leva finanziaria è uno strumento molto potente se lo si sa usare ma può rivelarsi rischioso per gli utenti meno esperti. Per questo è bene ricordare che si possono aprire delle sessioni di trading online simulate, in modo da poter prendere confidenza con questo strumento senza rischiare nemmeno un euro.

Come già detto in precedenza, la leva finanziaria è un concetto base dell’economia, in quanto è il meccanismo che permette ai trader privati di poter investire senza possedere un’enorme capitale. La leva finanziaria sostanzialmente è la funzione per cui il trader prende in prestito del denaro dal broker per poter generare maggiori profitti. Facendo un esempio pratico: 

Ipotizziamo di avere 10.000 euro sul nostro conto, e senza utilizzare alcuna leva finanziaria acquistiamo azioni al prezzo di 20 euro, per un valore complessivo di 5000 euro, ovvero 250 azioni. Immaginiamo poi che le nostre azioni accrescano il loro valore del 10% procurandoci quindi un profitto di 500 euro. Perdendo lo stesso esempio, ma applicando una leva finanziaria con un rapporto 1:2, significa che, investendo lo stesso quantitativo di denaro (5000 euro), al posto di acquistare 250 azioni, ne avremmo acquistate 500, il che, sempre rapportato all’esempio precedente farebbe accrescere il profitto da 500 euro a 1000 euro.

La leva finanziaria può essere osservata sotto questo punto di vista, oppure possiamo focalizzarci sul fatto che se un’azione ha un valore di 10.000 euro, grazie ad una leva finanziaria di 1:100, i privati possono investire anche essi su quell’azione utilizzando esclusivamente 100 euro. 

Sembra tutto magnifico è semplice, ma in realtà la leva finanziaria racchiude in se parecchie insidie, tra cui il fatto che, se i guadagni sono raddoppiati, anche le perdite di conseguenza sono raddoppiate. Riprendendo l’esempio precedente utilizzando la leva 1:100, io sto controllando un’azione del valore di 10.000 euro, anche se ne ho investiti solamente 100 per poter aprire la posizione. Questo significa che una variazione in positivo del 1% mi fa guadagnare 100 euro, una variazione in negativo del 1% mi fa perdere i 100 euro investiti, ovvero il totale del mio capitale investito. 

In estrema sintesi si può concludere dicendo che la leva finanziaria permette di investire micro lotti di capitale anche in azioni o titoli del valore di migliaia di euro e quindi permetterci di raddoppiare, triplicare ecc. (in base alla leva) il nostro guadagno. Allo stesso tempo un investimento sbagliato può far perdere in toto il capitale investito.





Questo è un articolo pubblicato il 15-06-2016 alle 20:18 sul giornale del 16 giugno 2016 - 439 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aybq





logoEV