Raccolta differenziata: bilanci record a Montemarciano

ata rifiuti 01/06/2016 - Il nuovo progetto di raccolta differenziata dei rifiuti elaborato dall’ATA Rifiuti Ancona, in collaborazione con le amministrazioni comunali di Camerano, Castelfidardo, Chiaravalle, Filottrano, Monte San Vito, Montemarciano e Sirolo, e introdotto in questi Comuni dall’inizio del 2016 con l’affidamento dei servizi alla Rieco S.p.A. - società di servizi integrati per l’ambiente che opera in circa sessanta Comuni tra Marche, Abruzzo e Lazio - ha consentito ulteriori miglioramenti della qualità dei servizi offerti alla popolazione e il conseguimento di livelli di raccolta differenziata dei rifiuti elevatissimi.


In una regione virtuosa, terza in Italia per riciclo, questi territori si contraddistinguono per percentuali ben al di sopra della media regionale, pari, nell’anno 2015, al 64,22%.

Nello scorso mese di aprile, il dato medio dei sette Comuni coinvolti è stato pari a circa 78% e la performance dei singoli Comuni è stata la seguente: Camerano 71,90%, Castelfidardo 81,53%, Chiaravalle 81,49%, Filottrano 71,64%, Monte San Vito 83,53%, Montemarciano 78,30%, Sirolo 79,20%.


“A dare segnali positivi” precisa Elisabetta Cecchini, Direttore dell’ATA “non sono solo i quantitativi di raccolta differenziata, ma anche la qualità dei materiali avviati a riciclo e recupero. Gli impianti che raccolgono le frazioni riciclabili (carta, plastica, metallo, vetro, ecc.) provenienti da questi Comuni stanno constatando come i materiali siano molto ben selezionati, a testimonianza del fatto di come la popolazione stia collaborando in maniera splendida all’obiettivo rifiuti zero che il territorio si è posto e come i messaggi di sensibilizzazione e informazione promossi dall’ATA e rivolti ai cittadini, ma anche alle scuole e agli operatori economici, stiano garantendo importanti frutti”.

Un altro aspetto determinante, che contribuisce in maniera essenziale al conseguimento dei risultati, è quello legato alla qualità e capillarità dei servizi: porta a porta integrale, raccolte dedicate in maniera specifica a sfalci, potature e pannolini, centri ambiente e sportelli informativi con aperture potenziate, ritiri gratuiti a domicilio per ingombranti ed elettrodomestici.
“Siamo molto soddisfatti del lavoro che, in sinergia con tutti i soggetti coinvolti, stiamo portando avanti anche nelle Marche”, aggiunge Valentina Di Zio, responsabile Relazioni Esterne e Comunicazione di Rieco S.p.A., sottolineando: “Un dato su tutti: ad inizio anno il Comune di Sirolo era al 27,5% di raccolta differenziata e a distanza di pochi mesi ha raggiunto quota 79%. Un ulteriore bel risultato che conferma il trend positivo di tutti i Comuni serviti da Rieco, in particolare nelle Marche dove il 90% di essi supera, in diversi casi ampiamente, quota 70% di raccolta differenziata, come rilevato dai dati relativi al mese di aprile. Un obiettivo raggiunto grazie anche alla capillare attività di comunicazione che mettiamo in campo direttamente sui diversi territori e tramite il nostro sito internet e i canali social Rieco”.

“Merito della qualità del progetto” sottolinea Liana Serrani, Presidente della Provincia di Ancona e dell’ATA “va riconosciuto in particolare alle amministrazioni comunali che hanno creduto nella possibilità di migliorare ulteriormente situazioni già buone e hanno saputo calare al meglio i servizi nel proprio contesto socio-economico e urbanistico. Protagonisti assoluti, tuttavia, i cittadini che non solo hanno recepito l’invito a considerare i propri rifiuti invece che scarti e problemi, come risorse per la collettività, ma hanno anche saputo conseguire performance davvero eccellenti. Ora occorrerà proseguire con determinazione su questa strada per continuare nel percorso, apparentemente non percorribile in altre realtà, di gestione eco-compatibile del ciclo integrato dei rifiuti a costi sostenibili”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2016 alle 18:40 sul giornale del 03 giugno 2016 - 350 letture

In questo articolo si parla di attualità, ata, assemblea territoriale d'ambito, ata rifiuti ancona, ata rifiuti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axEM


Commento modificato il 02 giugno 2016

Mi permetto di evidenziare che manca un dato molto importante, come normalmente si fa quando si ottengono i risultati.,......i COSTI che devono sostenere i cittadini ed aziende in particolare. Quindi snocciolare solo i traguardi, che avevo previsto già dall'avvio del Porta a Porta integrale, bisogna anche dire i costi come si sono lievitati in questi anni NONOSTANTE che dal 100 % di rifiuti da discarica si sia passato al 65 % (di media) di rifiuti RECUPERATI e quindi qualcuno ha INCASSATO.
Si parla di ringraziare nell'articolo tutti dagli Amministratori ai cittadini......ma per favore: gli Amministratori hanno semplicemente demandato alla RIECO il tutto, il cittadino ha messo mani alle tasche dietro continue promesse che un giorno i costi caleranno.
Parlate del "rifiuto zero"....ma per favore ,se date questo servizio capillare secondo voi il cittadino farà mai attenzione a quanto rifiuto si porta a casa ?
Cittadini è ora che vi svegliate anche perchè poi abituati come siete non riuscirete più a tornare indietro e le bollette saranno sempre più care ed i soldi dei vostri rifiuti DIFFERENZIATI andranno nelle tasche di pochi.
Ultimo fiore all'occhiello, per farvi capire come stanno gestendo il NOSTRO differenziato, è la centrale ,a gestione privata, a Biogas di Casine accolta a braccia aperte dai nostri governanti dove anche lì quello che noi separiamo e paghiamo verrà incassato dai proprietari.
In definitiva il valore della carta, plastica, metalli, vetro se li sta intascando la RIECO e meglio fate la differenziata e più incassano; nel prossimo futuro il nostro organico, in grado di produrre energia e buon materiale fertilizzante, sarà incassato da un'altra ditta.......a noi rimane SOLO di PAGARE ma mai vedere un incasso per quel che facciamo ed ogni tanto ci prendono in giro con questi articoli sbandieranno numeri dove l'unico ad essere felice è proprio la RIECO e la EN ERGON di Casine quando sarà operativa. Bello no e questo grazie a tutto lo staff politico locale Provinciale dove salvo solo il Comune di Serra de' Conti dove lì perlomeno si sono avvicinati molto al sistema come dovrebbe essere.

A disposizione

paolofiore




logoEV