Sartini sul C.O.C.: "A quale Mangialardi dobbiamo credere?"

giorgio sartini 26/05/2016 - Con due diverse interpellanze, a risposta orale (allegati 1-2), ho rivolto al Sindaco tre domande relative al Centro Operativo Comunale ed al Piano di Emergenza comunale; né al Consiglio comunale del 6 aprile né a quello del 28 aprile sono state date risposte dettagliate, e non sono pervenute neanche con la nota scritta del 09/05/2016 (prot.n. 33941, allegato 3).

In questo articolo mi soffermerò sulla vicenda del C.O.C., nei prossimi giorni ne uscirà un secondo relativo al Piano di Emergenza comunale, il tutto con una premessa doverosa. Ritengo fondamentale per una corretta gestione della pubblica amministrazione porre particolare attenzione su errori del passato, il tutto per trovare idonee soluzioni e per evitare che lo stesso errore possa ripetersi in futuro. Nel caso di specie è presupposto fondamentale, per una corretta risposta in caso di emergenza, che le funzioni del C.O.C. siano assegnate a personale comunale attivo e che lo stesso pianifichi in tempo ordinario cosa e come fare in presenza dell'emergenza. E' emblematico, ad esempio, che le riunioni del C.O.C. del 3 e 4 maggio 2014 si siano svolte senza alcun tipo di verbale e che la verbalizzazione delle sedute è iniziata solo dal 05/05/2014. E' importante, infatti, che al verificarsi di un'emergenza ci sia una figura deputata a verbalizzare le riunioni del C.O.C. e le relative decisione affinché ne rimanga traccia scritta. Quindi la mia attività di consigliere è mossa unicamente dal volere contribuire nella corretta gestione della cosa pubblica, senza alcun tipo di polemica. Come ogni cittadino potrà leggere, nelle mie interrogazioni mi sono attenuto rigorosamente ai fatti, senza alcun tipo di attacco alla figura istituzionale del Sindaco; mi rammarica che non si possa dire altrettanto del primo cittadino. Nella nota del 09/05/2016, il Sindaco, dopo il solito attacco alla mia attività di Consigliere comunale, arriva a scrivere che “nel corso degli anni … … si è ritenuto più opportuno, anche per una più efficace attività di coordinamento di tutto il personale comunale in emergenza, impiegare per tali funzioni le figure dirigenziali responsabili o comunque appartenenti alla struttura comunale.”; il Sindaco poi continua scrivendo (anche con un errore perché quel “per se” dovrebbe essere “pur se”) che “Per tale motivo, per se non formalmente aggiornata la struttura operativa del COC che svolge le funzioni è la seguente: … …”.

Dunque stando a quanto riferito dal Sindaco Mangialardi dal 18/12/2002, data del decreto del Sindaco Angeloni istitutivo del C.O.C., ad oggi i nominativi dei responsabili delle funzioni non sono stati formalmente aggiornati; ma nel corso degli anni sono subentrati i dirigenti. Bene, anzi male, malissimo, perché leggendo le relazioni (sia della minoranza che della maggioranza) della Commissione Speciale di Indagine sul punto, nulla di quanto oggi scritto dal Sindaco si evince, anzi. Con tutto il rispetto per l'attività del Presidente Mancini e per la relazione dal medesimo scritta, riprendiamo quanto scritto – volendo dar maggior risalto alla gravissima discrepanza che oggi emerge – nella relazione della maggioranza ove si legge, a pag. 25: “Alla data del 03/05/2014 il COC risultava carente di cinque componenti rispetto a quello nominato dal Sindaco Angeloni il 20/12/2002. Infatti, nel corso degli anni, alcuni componenti erano andati in pensione senza che fossero numericamente sostituiti … … Il Sindaco per la giornata del 03/05, ha affermato che il “COC è stato riunito in maniera continuativa” e che “il protocollo di emergenza è stato applicato alla lettera, non c'erano i nomi ma c'erano le funzioni (audizioni del 25.11.2014)”. Appurato dalla commissione che il C.O.C. al 03/05/2014 fosse carente di componenti, come si concilia con quanto scritto oggi dal Sindaco? Che senso ha dire “non c'erano i nomi ma c'erano le funzioni”? Chi, se non le persone, svolgono le funzioni (ammesso, ovvio, che le stesse persone vengano avvisate di avere quella determinata funzione da svolgere)?

Avendo partecipato a convegni sul sistema di Protezione Civile, sa bene il sig. Sindaco che un'adeguata risposta da parte del C.O.C., nel corso di una emergenza, dipende dalla pianificazione svolta nel tempo ordinario; ma se mancavano i responsabili di alcune funzioni sino al 04/05/2014, cosa ha fatto il C.O.C. durante il tempo di non emergenza? Ma la cosa più grave, rispetto a quello che oggi il Sindaco dice, è che dalla relazione della maggioranza risulta chiaramente che “Il 05/05/2014 il COC è stato rinnovato, rimpiazzando, anche formalmente, i vuoti di cui si è detto”. E' chiaro quindi che il C.O.C. aveva dei vuoti relativi ai responsabili delle funzioni che, dopo il loro pensionamento, non erano stati sostituiti. E' altrettanto chiaro, a differenza di quello che scrive oggi il Sindaco, che il 05/05/2014 questi vuoti sono stati rimpiazzati, anche sotto il profilo formale. Ma allora perché oggi il Sindaco dice che non c'è stata formalmente alcuna sostituzione? Ignora quanto avvenuto il 05/05/2014 sotto questo aspetto? Chi ha firmato l'atto con cui sono stati rimpiazzati le figure mancanti? Il dott. Fabrizio Volpini, che non risulta esser mai stato “figura dirigenziale” è ancora responsabile della funzione “sanità, assistenza sociale e veterinaria”? Oppure è stato sostituito (da chi, quando, con quale atto)?

Il Sindaco Mangialardi dovrebbe infine sapere che un Comune si amministra con atti ufficiali e quindi per modificare il decreto del Sindaco Angeloni del 2002 è necessario quantomeno un atto similare firmato dal nuovo Sindaco. Esiste questo decreto sindacale? Se vorrà rispondere, sig. Sindaco, sappia che lo farà alla Città e non tanto a me. Un'ultima cortesia. Nel rispondere lo faccia nel merito, citando i documenti con date e protocolli ed abbandoni il suo solito attacco al sottoscritto, grazie.


da Giorgio Sartini
consigliere comunale Senigallia Bene Comune

 


...

...

...

...

...

...





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-05-2016 alle 11:06 sul giornale del 27 maggio 2016 - 561 letture

In questo articolo si parla di politica, giorgio sartini, Senigallia Bene Comune

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axmR


Alberto Diambra

27 maggio, 17:57
Consigliere Sartini non si meravigli del comportamento del Sindaco i già residenti la zona PEEP MISA sono stati tacciati di attività maniacale in quanto richiedono che nelle loro abitazioni non ci sia più acqua e fango non appena l'alveo del Misa sale di livello dovuto al massacro del territorio per poter edificare e non vuol comprendere che se lui è stanco di non prendere provvedimenti ma solo firmare risibili risposte senza fondamento figuriamoci noi che dobbiamo subire queste UMILIAZIONI.