Montemarciano: coppia sorpresa a forzare le auto sul lungomare, arrestata

23/05/2016 - I Carabinieri della Stazione di Montemarciano hanno arrestato una giovane coppia, lui trentaquattrenne originario di Rimini e lei ventisettenne originaria della Romania, entrambi residenti a Falconara Marittima, responsabili in concorso tra loro di tentato furto aggravato su un'auto.

Domenica pomeriggio, la pattuglia della Stazione di Montemarciano, nel corso di un mirato servizio finalizzato al contrasto dei furti nella zona, mentre percorreva sul Lungomare Achille Buglioni, ha notato nell’area di parcheggio nei pressi di un noto locale pubblico una Opel Tigra in uso al trentaquattrenne, noto alle forze di polizia, ferma a ridosso di una Ford Fiesta. L’Opel Tigra aveva la portiera del lato passeggero aperta mentre il relativo posto era occupato dal trentaquattrenne.

Fuori dal veicolo, in piedi appoggiata alla Ford Fiesta, c'era invece la ventisettenne che in tale modo riusciva a coprire gran parte della visuale. Insospettiti per la strana circostanza i Carabinieri di pattuglia si sono avvicinati alla coppia sorprendendola mentre stava forzando la serratura della portiera anteriore sinistra della Ford Fiesta. I due alla vista dei Carabinieri hanno subito mostrato chiari segni di nervosismo inoltre il trentaquattrenne è stato sorpreso a disfarsi di un qualcosa che ha lanciato nell’abitacolo della Opel Tigra con la quale entrambi erano giunti sul posto.

L’immediato controllo ha consentito di verificare che la portiera anteriore sinistra della Ford Fiesta era stata aperta e il nottolino evidenziava chiari segni di forzatura. Dalla perquisizione i Carabinieri hanno rinvenuto nell’abitacolo della Opel Tigra, sotto il freno a mano, una chiave alterata seghettata (il cosiddetto “spadino”), compatibile per forma e dimensioni al danno presente sulla serratura forzata. Lo spadino è stato sottoposto a sequestro.

Sul posto poco dopo è arrivata la proprietaria della Ford Fiesta, una trentaduenne jesina, che ha confermato di aver parcheggiato la sua auto intorno alle 10:30 del mattino con le portiere regolarmente chiuse a chiave. Dopo le formalità di rito i due conviventi sono stati accompagnati all’abitazioni della madre di lui a Montemarciano in regime di arresti domiciliari. Lunedì mattina il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto per entrambi, applicando al trentaquattrenne la misura cautelare dell’obbligo di firma, rinviando la discussione del processo al prossimo 1 giugno.





Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2016 alle 15:10 sul giornale del 24 maggio 2016 - 3782 letture

In questo articolo si parla di cronaca, furti, montemarciano, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axeu





logoEV