Tennistavolo: Malagò premia Sabrina Moretti

22/05/2016 - In occasione della presentazione della candidatura per le Olimpiadi di Roma 2024, che si è svolta alla Rotonda a Mare giovedì scorso, il Presidente del CONI Malagò ha premiato alcuni atleti rappresentativi delle Marche.

Assenti giustificati la maggior parte degli olimpionici qualificati per Rio a causa degli stage di preparazione, è stata la volta di giovani sportivi (e meno giovani) a ricevere un riconoscimento. Tra questi Sabrina Moretti che il conduttore Andrea Carloni (Presidente USSi Marche) ha definito la “signora del tennistavolo” accolta dall’applauso del presenti che affollavano la sala. Sabrina, azzurra, ha condotto nel passato una battaglia per l’emancipazione femminile nel tennistavolo mondiale facendo superare la regola che la divisa femminile utilizzabile in gara fosse solo quella classica mentre in tante altre discipline si era affermato il body tanto per le femmine che per i maschi.

Fu un periodo di grande notorietà con i giornali nazionali e talk show che diedero manforte alla sua campagna che venne ripresa anche all’estero e portò la International Table Tennis Association a cambiare il regolamento ammettendo anche il body come indumento di gara.

Scambio di battute di Malagò con il Presidente del Tennistavolo Senigallia Domenico Ubaldi che lo ha ringraziato per il sostegno immediato avuto in occasione del progetto di Servizio Civile. La società storica senigalliese inviò a Roma il progetto per mail e nel giro di una settimana la segreteria personale del Presidente si mise in contatto su disposizione di Malagò in persona concedendo il patrocinio diretto del CONI ad un progetto fortemente innovativo in ambito sportivo come quello del Servizio Civile Nazionale presentato dal Tennistavolo Senigallia.


da Centro Olimpico Tennistavolo Senigallia



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2016 alle 17:09 sul giornale del 23 maggio 2016 - 436 letture

In questo articolo si parla di sport, coni, Centro Olimpico Tennistavolo Senigallia, sabrina moretti, giovanni malagò

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axcS