La Scuola dell'Infanzia ''Tiro a Segno'' di Corinaldo e il Liceo''Perticari'' protagonisti di un progetto di alternanza scuola/lavoro

22/05/2016 - “Ich kenne mich nicht aus” (L. Wittgenstein, Ricerche Filosofiche), “Non mi ci raccapezzo” – La filosofia coi bambini è il progetto-pilota che ha ispirato l’attività di alternanza Scuola/Lavoro rivolta agli studenti della Classe III B del Liceo “Perticari” Sez. Liceo delle Scienze umane e che ha visto come destinatari i bambini della Scuola dell’Infanzia “Tiro a Segno” di Corinaldo.

Una proposta didattica orientata ad accostare gli studenti all’esperienza della “filosofia coi bambini” una pratica educativa originale che si pone in linea con gli studi inaugurati negli Stati Uniti da Matthew Lipman all’inizio degli anni ‘70. La "Filosofia con i bambini", e non "insegnata ai bambini", è un tipo di filosofia analitica che nasce dalla necessità di integrare la normale attività scolastica arricchendola di esperienze altamente innovative.

E’ come se i ragazzi e i bambini diventassero loro stessi un po' filosofi, applicando un metodo che li spinge ad indagare su oggetti comuni e di uso quotidiano. Un metodo ancora sperimentale e una pratica educativa che non si pone come obiettivo la trasmissione di qualche nozione, bensì lo sviluppo di forme autentiche di conoscenza o di pensiero. Al fianco dei bambini, gli studenti hanno vissuto un approccio alla filosofia declinata in un insieme di categorie ludico-creative, quali: la meraviglia, l’emozione che ci affascina, la possibilità di una mente simbolica “estesa” che attraverso l’auto-elevazione semantica dispone di segni-sostituti che ci permettono di presentificare ciò che assente, l’esplorazione delle estensioni del pensabile e dell’immaginabile.

Nelle tre giornate di stage, studenti e bambini hanno dato vita ad una comunità di ricerca in grado di riconoscersi e di produrre significati. I bambini stimolati ad utilizzare il controfattuale, hanno allenato la loro innata capacità di immaginare e trovare soluzioni a problemi astratti e concreti che sono stati loro presentati. Insieme, hanno esercitato quegli aspetti del linguaggio legati, in modo particolare, all’espressione, alla comunicazione, alla relazione, alla socializzazione, sviluppando alcune questioni tipiche della discussione filosofica. Il nucleo di interesse euristico e cognitivo verso cui si sono indirizzate le sessioni di lavoro e intorno a cui si è mosso il dialogo è stata l’idea di “ tempo”.

L’ articolazione dell’attività ha previsto due diversi laboratori:  

1° LABORATORIO: 

Decostruire un oggetto: “Prima era una pannocchia e poi ??”

Setting: fattoria didattica “dei Conti” – Scapezzano di Senigallia

2° LABORATORIO:

Tema di indagine: “IL TEMPO”

Setting: Scuola dell’Infanzia “Tiro a Segno” di Corinaldo - Spazi attrezzati all’interno dell’aula.

Sviluppo della discussione filosofica: “Il Signor Tempo, tutto vede e tutto trasforma”. Item:

• Il tempo:“veloce o lento”? 

• Quali sono le parole del Signor Tempo?

• Scelgo una cosa e la trasformo (la pannocchia di mais diventa…)

Gli studenti hanno affiancato i bambini nella realizzazione di opere di rappresentazione grafica dei temi di discussione solidarizzando in una vivace elaborazione creativa. Il coinvolgimento dei piccoli partners ha animato il laboratorio ritmico-motorio in cui il senso del tempo è stato espresso attraverso piccole esecuzioni con strumenti a percussione e giochi di movimento. Fondamentale il contributo della prof.ssa Francesca Appiotti, tutor scolastico del progetto di ASL della classe, che ha curato l’organizzazione e l’allestimento dell’attività laboratoriale.

L’esito del lavoro confluirà nel palinsesto dello spettacolo teatrale “Il mago Tic Tac” che i bambini della Scuola dell’ Infanzia di Tiro a Segno, coadiuvati da una rappresentanza dei ragazzi del Liceo, presenteranno la sera del 6 Giugno 2016 presso il Teatro Comunale C. Goldoni di Corinaldo. I laboratori realizzati hanno promosso quelli che sono gli obiettivi classici della filosofia coi bambini, ovvero: un incremento dell'apertura mentale, delle possibilità immaginative, dell'amore per il dialogo e la discussione regolamentata all'interno di un gruppo e non ultima la capacità di trattare concetti complessi e profondi.

Alla buona riuscita del progetto ha concorso la notevole professionalità della docente tutor esterna dell’ASL, Laura Mantoni a cui si è affiancata l’efficace collaborazione delle docenti della scuola dell’Infanzia di Tiro a Segno, Nunzia Mancini, Ilaria Del Prete, Marina Pierpaoli, Novella Gaggini e Antonella Meloni. Un ringraziamento corale al Dirigente Scolastico del Liceo “Perticari”, Prof. Alfio Albani, e dell’Istituto Comprensivo di Corinaldo, Prof. Francesco Savore che hanno sottoscritto la convenzione dell’Alternanza scuola/lavoro sostenendo favorevolmente il percorso didattico progettato ed all’Ass.re alla cultura del Comune di Corinaldo, Giorgia Fabri che, da attenta e sensibile osservatrice, ha preso parte alla realizzazione delle attività apprezzando il lavoro dei ragazzi.

Un sentito ringraziamento, infine, a tutto il personale ATA per lo spirito di collaborazione e la disponibilità che hanno reso possibile, in particolare, la preparazione della polenta, una delle fasi più coinvolgenti nel concretizzare l’elaborazione mentale di un processo di trasformazione: dalla pannocchia di mais a un cibo da gustare. Bambini e adolescenti: l’immediatezza dell’attimo presente che incornicia il “tempo” del bambino e l’ansia di futuro che orienta il giovane verso l’avvenire. Un interscambio di vissuti, di emozioni e di conoscenza. Così si è voluta intendere la progettualità dell’Alternanza scuola/lavoro.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2016 alle 17:17 sul giornale del 23 maggio 2016 - 1695 letture

In questo articolo si parla di cultura, corinaldo, Liceo Perticari, Fernando Pancotti, Alternanza scuola lavoro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axcV





logoEV