Montemarciano: schianto in via Clementina, il dolore per la morte di Lorenzo

lorenzo marasca 17/05/2016 - “Lorenzo era un ragazzo d’oro, educato, rispettoso, davvero in gamba. Non possiamo ancora credere che non ci sia più”. Samy Eldib, il padre di Sara la fidanzata di Lorenzo Marasca, è all’obitorio di Torrette insieme ai genitori e a Massimiliano, il fratello maggiore del giovane deceduto nell’incidente stradale sulla via Clementina.

Il dolore è la disperazione sono tangibili. Sara annega nelle lacrime, sostenuta dal padre. “Era un giovane sereno e che amava mia figlia – dice Samy Eldib – vivevano insieme da anni alla Rocca, vicino alla trattoria Prenna e stavano progettando il matrimonio e anche l’eventuale arrivo di figli. Addirittura parlavano talvolta di un probabile viaggio di nozze in Egitto per vedere i luoghi d’origine della mia famiglia”.

All’Ipersimply di Chiaravalle, il lunedì pomeriggio il distributore è senza custode ma ci sono clienti che ricordano quel ragazzo gentile che fino a un’ora prima lavorava lì. “Sempre disponibile e attento alle esigenze degli automobilisti”.

Anche a Marina di Montemarciano la morte di Lorenzo Marasca ha lasciato un doloroso segno. “Siamo cresciuti insieme – dice Daniele Gigli, coetaneo di Lorenzo Marasca – era un ottimo calciatore, un bravo attaccante prima del Marina e poi del Marinamonte ma dopo gli Allievi smise di giocare con la squadra continuando però a praticare il calcetto per divertimento, con gli amici e nei tornei estivi”.

“A Marina negli ultimi anni si vedeva di meno ma la sua famiglia vive qui: ricordo che aveva la passione per le auto grintose e sportive”. E proprio su un’auto grintosa, anche se di piccole dimensioni, Lorenzo Marasca ha trovato la morte.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2016 alle 21:54 sul giornale del 18 maggio 2016 - 1335 letture

In questo articolo si parla di attualità, gianluca fenucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aw37