Al via il Gran Tour delle Marche 2016: eccellenze in vetrina

16/05/2016 - Riparte anche per il 2016 il Gran Tour delle Marche, il circuito virtuoso creato da Tipicità Experienze ed Anci Marche con la collaborazione di numerosi enti publici e partner privati, per valorizzare l’esperienza Marche attraverso le attrattive e gli eventi previsti nell'estate marchigiana.

Con 28 tappe, dall'entroterra al mare, da nord a sud, grazie al "Grand tour delle Marche", progetto nato per l'Expo di Milano ma che è stato riproposto essendo stato individuato come brand ombrello, ce ne sarà per tutti i gusti. "Il modo migliore per viaggiare nelle Mache è viverle. Essendo a Senigallia, possiamo citare Pane Nostrum – ha detto Angelo Serri, Direttore di Tipicità introducendo l'incontro – ma partiremo nel prossimo weekend da Ancona con Tipicità in Blu e spazieremo attraverso molte eccellenze come a Montappone dove celebreremo il cappello, a Montecarotto con il Verdicchio abbinato alla musica jazz, a Porto San Giorgio con Vongolopolis, a Castelfidardo con la fisarmonica ed a Venarotta col ricamo fino a chiudere con la Fiera Nazionale del Tartufo Bianco ad Acqualagna che si concluderà il 13 novembre".

Le Marche come brand unico, quindi. Ecco l'idea del Gran Tour delle Marche per presentarsi al mondo nel suo insieme superando la logica della promozione del piccolo evento per inserirsi in un contenitore ampio e qualificato. Alla presenza di tutti i sindaci e rappresentanti delle città coinvolte, Anci Marche e Tipicità hanno presentato le tappe scelte che sono tutte contraddistinte da un evento legato ad una propria esclusiva eccellenza e rispondono a criteri di elevata qualità possedendo, quale requisito irrinunciabile, l’appartenenza a due ben precise tipologie tematiche, capaci di esercitare una forte attrazione turistica: enogastronomia e manifattura tradizionale. "Il Gran Tour è la sintesi migliore di ciò che la Regione Marche è in grado di offrire – ha detto Maurizio Mangialardi, presidente di Anci Marche – ed è un modo per vivere le Marche sul territorio".

Insomma le Marche puntano decisamente a scrollarsi di dosso il ruolo di bella sconosciuta per puntare ad essere sempre più regione a misura di turista attraverso la capacità di fare sinergia ed aggregare eventi di qualità legati alla tradizione enogastronomica e della manifattura tipica. "Il Gran Tour è una grande iniziativa che aggrega ed è in grado di fare massa critica – ha detto il Direttore Nunzio Tartaglia – raccogliendo non tutti gli eventi ma solo quelli principali, quelli la cui rilevanza serve per descrivere le Marche al mondo e renderle turisticamente rilevanti". Graziano Di Battista, presidente di Unioncamere ha sottolineato la qualità dell'iniziativa "per tutto il sistema regionale – ha detto – perché portare turisti significa creare indotto per tutti gli operatori locali". Il Gran Tour poggia su una piattaforma digitale www.tipicitaexperience.it che sarà ricca di contenuti e che consentirà al turista di strutturarsi il proprio viaggio su misura, in base al proprio gusto. Le Marche sono pronte, il Gran Tour non aspetta!







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2016 alle 15:10 sul giornale del 17 maggio 2016 - 1389 letture

In questo articolo si parla di attualità, Anci Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awY0