Ostra Vetere: Codias su 'Degrado urbano e verde pubblico'

Giuseppina Codias 12/05/2016 - Nel Consiglio Comunale di lunedì scorso si è parlato tra le altre cose di degrado urbano e verde pubblico. Un degrado presunto a detta dell’Amministrazione Comunale di Ostra Vetere la quale parte dal presupposto che se il personale esterno addetto a tale servizio è aumentato di una unità, necessariamente il verde pubblico e il decoro urbano dovrebbe essere migliorato. Affatto!

Diverse sono le variabili che impediscono tale risultato, non certo tuttavia, per l’inefficienza del personale addetto che approfitto per ringraziare del quotidiano lavoro svolto a beneficio di Ostra Vetere e dei suoi cittadini. Di parere nettamente contrario è la Minoranza Consiliare, basta fare una passeggiata lungo le vie del paese per trovare marciapiedi sconnessi e impraticabili oppure un verde pubblico abbandonato all’incuria a causa della presenza sempre più consistente di erbacce diventate ormai rifugio di insetti e ratti. Alcuni esempi?

L’area verde antistante il campo sportivo “Guido Puerini”. Il continuo persistere di sterpaglie associato alla crescita di radici nelle suddette zone, il ripiegamento di alcuni cipressi a mala pena sorretti dalla recinzione pubblica, pozzetti di cemento scoperti o rotti, un percorso vita che si presenta con attrezzi inutilizzabili perché segnati dallo scorrere del tempo, coperti di ruggine dunque pericolosi; fanno da padroni ad uno dei luoghi che dovrebbe essere frequentato per lo più da giovani e bambini. Abbastanza evidente è ancora la situazione di degrado lungo via Cesare Battisti, un tratto di strada dominato da erbacce e dall’evidente cedimento della staccionata laterale che oltre a rendere indecoroso il paesaggio ne fanno un luogo potenzialmente pericoloso.

La passeggiata lungo il Girone dove segni di incuria visibili oltre il parapetto, uniti ad un elevata dose di inciviltà di alcune persone fanno da cornice ad uno strepitoso paesaggio collinare. Senza parlare della ormai dimenticata via Brunacci, dove i marciapiedi non sono più visibili, tantomeno praticabili, il parcheggio oltre ad essere pieno di buche si affaccia su un verde pubblico lasciato completamente all’abbandono e alla gestione fai da te di chi sradica piante, incurante della manutenzione stradale attigua. Ottimo biglietto da visita per i parcheggiatori auto che solitamente si recano alla Chiesa dei Frati Minori e che ne usufruiranno anche in occasione della festa di San Pasquale il prossimo 17 maggio.

Invito dunque e concludo, i cittadini di Ostra Vetere, i lettori e gli osservatori attenti a valutare la reale situazione di degrado in cui ultimamente versa il Paese. L’invito rivolto alla Maggioranza Consiliare è quello di ascoltare, vagliare suggerimenti, critiche e proposte, adoperarsi per reperire i fondi necessari nonché organizzare il personale preposto in maniera puntuale e programmata. A me come Consigliere di Minoranza il compito di vigilare, proporre nell’interesse della collettività e invitare la Giunta a pianificare azioni concrete, soddisfacenti e realizzabili in tempi brevi e certi.


da Giuseppina Codias
consigliere di minoranza



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2016 alle 17:12 sul giornale del 13 maggio 2016 - 481 letture

In questo articolo si parla di ostra vetere, politica, giuseppina codias

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awRE





logoEV