Riqualificazione di piazza Garibaldi, sopralluogo al cantiere del sindaco Mangialardi

11/05/2016 - Procedono senza sosta i lavori di riqualificazione di piazza Garibaldi e, a tal proposito, questa mattina il sindaco Maurizio Mangialardi ha svolto un sopralluogo al cantiere.

“Stiamo rispettando i tempi previsti, e di ciò ringrazio la ditta che sta lavorando con serietà e professionalità alla realizzazione di questa piazza -afferma il sindaco Maurizio Mangialardi- che, oltre a dare una nuova fisionomia urbana alla città grazie all’allargamento del centro storico e alla valorizzazione dei suoi percorsi interni, consentirà di armonizzare quest’area con gli intervenuti di riqualificazione già realizzati negli anni scorsi al Foro Annonario, piazza Manni, piazza del Duca, via Carducci e piazza Saffi. Dalla prossima settimana inizierà il completamento della parte centrale della piazza con l’apposizione degli stemmi”.

“Al fine di esaltare la magnificenza monumentale degli edifici circostanti – continua Mangialardi - come Amministrazione stiamo realizzando interventi di manutenzione straordinaria e restyling su Palazzo Fagnani e sull’ex Collegio Pio. L’auspicio è che anche i privati seguano questo esempio. Così come speriamo prosegua l’insediamento di nuove attività commerciali, volte a favorire la fruizione sociale della piazza”. Intanto, il Comune di Senigallia ha varato una nuova ordinanza contenente modifiche alla viabilità nella zona e nelle vie limitrofe. Fino al prossimo 5 giugno, sarà istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia ammessa sud–nord in via Cavallotti, nel tratto compreso tra piazza Garibaldi e via Portici Ercolani, e il divieto di fermata su entrambi i lati della carreggiata. Sempre in via Cavallotti sarà istituito l’obbligo di arrestarsi e cedere la precedenza all’intersezione con via Portici Ercolani, mentre il tratto compreso tra l'intersezione con via Arsilli e Piazza Garibaldi, diventerà a doppio senso di circolazione. Anche in questo caso, sarà vietato sostare su entrambi i lati della carreggiata.

Sarà vietata la fermata su via delle Caserme, nel tratto compreso tra le intersezioni con via Maierini e vicolo Duomo, mentre il transito su via Maierini, nel tratto tra via delle Caserme e piazza Garibaldi, sarà riservato ai soli residenti. L'accesso su via Portici Ercolani e via delle Caserme, per i veicoli provenienti da ponte Garibaldi, sarà consentito solo ai residenti, alle Forze dell'Ordine, ai mezzi di soccorso e ai veicoli adibiti alla raccolta rifiuti e alla pulizia delle strade. Divieti di fermata, infine, saranno istituiti in via Armellini, nel tratto compreso tra le intersezioni con via Pisacane e via Cavallotti, e in via Pisacane, su entrambi i lati della carreggiata, nel tratto compreso tra il numero civico 19 e l'intersezione con via Armellini.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-05-2016 alle 15:04 sul giornale del 12 maggio 2016 - 2701 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, piazza garibaldi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awN7


Fa un po' sorridere che il sindaco faccia un sopralluogo in piazza del Duomo. Mi risulta che ci passi già davanti ogni volta che deve andare in municipio

Questa nuova ordinanza veicolare non l'ho capita. Si propone il senso inverso di via Cavallotti da Piazza Garibaldi a via Portici Ercolani con divieto di sosta in entrambi i lati e relativo stop. Ma questo traffico dovrebbe arrivare da via Armellini o dalla piazza stessa lungo la via Testaferrata e Arsilli. Come logica e come succede ora prosegue su via Testaferrata e svolta a destra su via dei portici. Era più logico, lasciare la via Cavallotti come ora, adibirla a parcheggio con svolta obbligata a sinistra davanti alla filanda. Per quanto riguarda l'uscita dal ponte Garibaldi meglio precisare che il divietp riguarda solo il primo tratto dei Portici e non genericamente tutti.
Fruizione sociale della piazza: Tintarella gratuita o insolazione!!! A parte qualche studio tecnico presente, non vedo motivi validi di questa fruizione, perchè rimane un luogo di attraversamento e basta. Non vi è ombra, non vi sono luoghi di riparo in caso di pioggia. E' solo una grande distesa di cemento o marmo. A parte il parcheggio, che si può essere d'accordo o meno ma all'atto del progetto, non si poteva pensare ad esempio a dei portici trasparenti sul lato ex Stabilimento Pio e via Testaferrata? La vista delle facciate dei palazzi circostanti rimaneva e poteva essere un luogo di passeggio tra l'altro molto originale. Era una continuazione dei portici presenti sotto la ex Filanda. Se vi erano manifestazioni importanti si smontavano e la piazza recuperava tutto il suo spazio originale.

luigi alberto weiss

12 maggio, 12:49
Ormai siamo al trionfo dell'ovvietà, dal sopralluogo in pompa magna del sindaco ai tempi di realizzazione rispettati. Piuttosto, attenzione al blitz degli antistemmi.




logoEV