Sosta sul lungomare: si paga dal 1° giugno, aumenta la tariffa per i parcheggi scambiatori

Sosta sul Lungomare da Vinci 10/05/2016 - Nuove entrate dai parcheggi a pagamento sul lungomare. Quest’anno il Comune ha deciso di allungare di oltre un mese la durata delle strisce blu sul litorale con l’aggiunta dell’aumento delle tariffe per i parcheggi scambiatori.

La Giunta ha approvato la nuova delibera che porterà nelle casse comunali 50 mila euro in più. Inoltre, per l’estate, è in arrivo anche un nuovo parcheggio alla stazione. O meglio, un ripristino parziale dei posti auto persi con la nuova stazione degli autobus. Sul fronte della sosta estiva, che interessa tutto il lungomare, da Cesano a Marzocca, comprese molte tutte le traverse e parallele che si trovano tra il litorale e la linea ferroviaria, riguarda l’entrata in vigore.

Per la prima volta le strisce blu saranno attive a partire dal 1 giugno (e non più dal terzo sabato del mese) e lo resteranno fino al 15 settembre (e non più fino al 31 agosto). Confermata invece la durata oraria e le tariffe. Le strisce blu infatti sono attive tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 9 alle 20 al costo di 1,20 euro per un’ora, di 3,60 euro per 4 ore, di 6 euro per 8 ore, di 9 euro per tutta la giornata, di 60 euro per 7 giorni e di 156 euro per 30 giorni. Aumentano invece le tariffe per la sosta a pagamento nei parcheggi scambiatori del Ciarnin, della ex Sacelit e di Villa Torlonia. Confermata anche per queste zone l’estensione della durata dal 1 giugno al 15 settembre, in questo caso scatta l’aumento. Seppure di un euro.

La delibera di Giunta stabilisce infatti che la tariffa unica giornaliera passi da 2 a 3 euro per tutti i giorni. Già lo scorso anno l’introduzione della sosta a pagamento a Villa Torlonia aveva suscitato molte proteste da parte degli automobilisti, abituati a sostare da sempre liberamente nell’area. Per la sosta sul lungomare gli automobilisti dovranno esporre sul parabrezza delle auto il ticket rilasciato dagli appositi parcometri oppure gli eventuali 'grattini' acquistabili in diversi esercizi pubblici. In ogni caso, ticket e grattini acquistati per il lungomare non sono validi per parcheggiare in centro storico, e viceversa, poichè le tariffe sono differenti.

I residenti del lungomare hanno la possibilità di parcheggiare gratuitamente, con apposito permesso, una vettura per nucleo familiare. Sul fronte della sosta, sono in arrivo per l’estate due nuovi parcheggi. Il primo è quello che verrà in parte ripristinato alla stazione ferroviaria. Mesi fa il Comune aveva soppresso i circa 40 posti auto per trasferirvi il capolinea degli autobus. Ora la Giunta ha deciso di rivedere parzialmente quella decisione, riducendo lo spazio degli autobus per poter reintrodurre una ventina di parcheggi. Una nuova area di sosta sarà invece ricavata nei pressi dello Stradone Misa su area privata.

Il Comune ricorda che "il pagamento della sosta potrà avvenire tramite i parcometri installati sui marciapiedi, a una distanza di circa 250 metri l’uno dall’altro, o tramite l’applicazione MyCicero (scaricabile gratuitamente su App Store, Google Play e Windows Phone) che consente all’utente di parcheggiare utilizzando il proprio smartphone e di pagare solo i minuti effettivi della sosta". Oltre ai parcheggi della ex Sacelit (circa 400 posti), Villa Torlonia (380), Pattinodromo (250) ed ex Ciriachi (200), il provvedimento interesserà le seguenti aree: Cesano, in via Strada Settima (180 posti), via Perugia (150), sottopasso via Grosseto (80), ex area mezzi pesanti (150), ex colonie Enel (200), sottopasso 182 (50), Ciarnin, in prossimità della chiesa (300) e sottopasso Ciarnin (180).
 





Questo è un articolo pubblicato il 10-05-2016 alle 08:35 sul giornale del 11 maggio 2016 - 6692 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, parcheggi a pagamento, sosta, parcheggi a pagamento lungomare, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awJ2


Bisogna fare cassa e quindi tocca aumentare le tariffe.
Attenzione però che, quando i parcheggi scambiatori, che già sono molto più scomodi, diventano anche più cari, la gente tende ad utilizzarli di meno e a intasare la città e il lungomare.




logoEV