Corinaldo: stazionarie ma disperate le condizioni della polacca estratta viva dal rogo della sua casa

09/05/2016 - Sono stazionarie ma restano disperate le condizioni di Katarzyna Magdalena Ciapa, la 29enne polacca residente a Corinaldo salvata venerdì notte dal rogo che ha divorato l'appartamento nel centro storico del paese grazie all'intervento di un residente e di due carabinieri.

La giovane, trasferita al centro grandi ustionati di Parma, è in coma e versa in condizioni gravissime. Dopo un peggioramento avvenuto domenica, le condizioni della ragazza ieri sono state stabilizzate. Ad assisterla è accorsa anche la sorella che vive a Ostra Vetere. Oltre alle ustioni di secondo e terzo grado riportate su gran parte del corpo, molti organi vitale, tra cui i reni, sarebbero compromessi.

La 29enne, che lavora presso la Rsa di Corinaldo, si sarebbe addormentata sul divano di casa, dove vive da sola, con una sigaretta accesa. Un mozzicone sarebbe caduto sul divano e avrebbe così innescato il rogo. All’appartamento in via Mura del Mangano che si affaccia sulle mura civiche sono stati apposti i sigilli per consentire ulteriori accertamenti ai Vigili del Fuoco e ai Carabinieri.

Le suppellettili e la tappezzeria dell'appartamentino sono andati distrutti ma l'edificio non ha riportato danni strutturali. Nell’intervento per estrarre dalle fiamme la giovane anche un carabiniere è rimasto leggermente ustionato ad una mano. Per lui la prognosi è stata di qualche giorni.





Questo è un articolo pubblicato il 09-05-2016 alle 23:18 sul giornale del 10 maggio 2016 - 3784 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awJO