Corinaldo: incontro sul futuro dell'impianto di compostaggio

04/05/2016 - Giovedì 12 maggio a partire dalle ore 21, all'interno della Sala Conferenze "Comm. O. Samory" della filiale BCC di Corinaldo, situata in zona Nevola, si svolgerà un incontro sul futuro dell'impianto di compostaggio di Corinaldo. Un'iniziativa organizzata dal Comune di Corinaldo con Asa, Cir33 e Ata.

Al centro del dibattito ci sarà appunto l'impianto smaltimento del compost sito in località San Vincenzo di Corinaldo e nello specifico verrà approfondito il percorso di chiusura e riconversione in impianto per il trattamento dell'indifferenziato, la nuova destinazione della frazione organica dei rifiuti e la soluzione della questione odorigena (la risoluzione della questione inerente al cattivo odore causato dall'impianto).

Interverranno Matteo Principi, Sindaco di Corinaldo; Massimo Stella, ATA Rifiuti Ancona; Daniele Bartolacci, Cir 33 Servizi Srl; Aldo Balducci, ASA Srl Azienda Servizi Ambientali. Inoltre porteranno il loro contributo Klotz Burkhard, Alessandro Tamanini e Andrea Ognibene, della Ladurner Srl e Calzoni SpA.

"L'obiettivo dell'incontro - chiarisce al riguardo il Sindaco Principi - si inserisce nel percorso di informazione e partecipazione verso la cittadinanza che abbiamo impostato fin da quando ci siamo insediati come Amministratori. Con trasparenza e puntualità vogliamo coinvolgere i cittadini sulle evoluzioni in campo impiantistico, relativo allo smaltimento dei rifiuti. L'occasione di giovedì sarà importante per illustrare dettagliatamente la modifica impiantistica che risolverà definitivamente l'annoso problema del cattivo odore sprigionato dall'impianto in determinate circostanze. Anche se - prosegue il Sindaco Principi - la proprietà dell'impianto non è comunale, da parte degli Amministratori si pone come un dovere fornire le giuste informazioni che riguardino il tema dei rifiuti."

Appuntamento dunque per giovedì 12 alle ore 21.00 presso la Sala Conferenze "Comm. O. Samory" della filiale BCC di Corinaldo, situata in zona Nevola. La cittadinanza, sembra quasi inutile sottolinearlo, è invitata a partecipare.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2016 alle 16:36 sul giornale del 05 maggio 2016 - 853 letture

In questo articolo si parla di politica, comune di corinaldo, corinaldo, impianto di compostaggio e piace a 55727223

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awyP


"da parte degli Amministratori si pone come un dovere fornire le giuste informazioni che riguardino il tema dei rifiuti."
Partendo da questa frase giustissima è ormai ora più che passata di spiegare bene ai cittadini come stanno le cose e gli sbagli grossolani e costosissimi fatti.
La Politica corretta è anche ammettere gli sbagli, far pagare chi di dovere e correggere immediatamente l'errore perchè i cittadini stanno pagando salato tutto questo.
E' dal 1999 che si parla di RECUPERO ENERGETICO da SCONTARE in bolletta ai cittadini su quanto si DIFFERENZIA e cosa è stato fatto ? Un impianto di compostaggio dove bene che vada (poi non è andata così) al massimo si vende il compost a 4 soldi ammesso che si venda. Un impianto a Biogas PUBBLICO che gestisce tutta la Provincia costa 12 milioni mentre ne sono stati spesi 9 per questo dove nenache 1/10 a regime riesce a gestire (oltre ai problemi creati ai corinaldesi).
Spiegate, se ne avete tempo, anche del perchè fare la differenziata COSTA MOLTO nonostante le innumerevoli rassicurazioni del contrario ma mai spiegate.
Se continuerete a gestire i rifiuti così si avranno continui aumenti a carico in primis delle aziende a seguire dei cittadini paganti (si perchè per fare bella figura farete degli sconti ai meno abbienti caricando le altre famiglie dove i soldi comunque non li trovano per strada).
Fare una differenziata invece come ho sempre spiegato non ci sarà bisogno di fare sconti perchè TUTTI pagheranno poco e dove in effetti la differenziata farà la differenza in bolletta. Ci vuole solo molta volontà delle Amministrazioni in collaborazione con l'ATA e dei cittadini che dovranno impegnarsi un pò (che poi è ridicolo pensare che sia ammissibile fare 50 kg di spesa ad esempio e di quei 50 sia impossibile riportarne indietro massimo 2 Kg di imballi).

A disposizione

paolofiore